La Procura ha emesso quattro ordinanze per illeciti nel restyling dello scalo

Appalti pilotati e affidati sempre alle stesse ditte per la ristrutturazione dell’aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo. È questa l’accusa contestata dalla Procura siciliana a Carmelo Scelta, l’ex amministratore delegato della Gesap oggi finito agli arresti domiciliari, così come Giuseppe Listro, ex dirigente della società di gestione dell’aeroporto.

L’operazione “The terminal”, condotta dalla squadra mobile di Palermo, ha inoltre disposto il divieto di dimora per Giuseppe Giambanco, docente universitario di Ingegneria, e il divieto di esercitare presso uffici direttivi di società per l’imprenditore Stefano Flammini. Il provvedimento cautelare prevede anche il sequestro preventivo di circa 4 milioni di euro, pari al profitto che gli indagati avrebbero maturato grazie ai reati commessi. I quattro indagati sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere, truffa aggravata ai danni dello Stato, turbata libertà di scelta del contraente e corruzione.

Antonio Scali

Nato in provincia di Reggio Calabria 24 anni fa, ha conseguito una Laurea Triennale alla Lumsa in Lettere Moderne e una Magistrale alla Sapienza in Filologia. Da sempre affascinato dal giornalismo, ha maturato diverse collaborazioni con siti internet, radio e tv occupandosi principalmente di sport.