Mario Draghi senteUrsula von der Leyen"I vaccini sono sicuri"

Il premier presenta il piano vaccini in Sicilia sequestrato un lotto di dosi

Ieri la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, durante una conversazione telefonica con il premier Mario Draghi, ha spiegato che non ci sono nessi tra i recenti casi di trombosi avvenuti dopo la somministrazione del vaccino di AstraZeneca e il vaccino. La Presidente ha assicurato che l’agenzia europea del farmaco (Ema), ha avviato una “ulteriore revisione accelerata”. L’Ema, inoltre, in un comunicato, ha reso noto che su 5 milioni di persone vaccinate, i casi di trombosi sono stati 30 e, al momento, i benefici di questo vaccino superano i rischi.

In via precauzionale, è stata momentaneamente sospesa la somministrazione del vaccino in Islanda, Norvegia e Danimarca mentre in Italia l’Aifa ha deciso di bloccare un singolo lotto, l’ABV2856, contenente 500 mila dosi, dopo alcuni decessi sospetti.

Si tratta del sottufficiale della Marina, Stefano Paternò, del poliziotto in servizio all’Anticrimine di Catania, Davide Villa e del carabiniere Giuseppe Maniscalco. In quest’ultimo caso, però, l’autopsia ha chiarito che il decesso è avvenuto non per trombosi ma per infarto. I NAS hanno prontamente sequestrato le dosi del lotto incriminato e le cartelle cliniche per effettuare i relativi accertamenti.

Intanto, AstraZeneca ha ridotto le forniture di vaccini promesse all’Unione europea. Invierà 30 milioni di dosi al posto dei 90 milioni previsti nel contratto iniziale.

Oggi, il premier Draghi, dall’hub di Fiumicino, lancerà invece il nuovo piano vaccinale e, secondo fonti di Palazzo Chigi, invierà al Paese un messaggio di chiarezza senza tacere sugli ultimi sviluppi. L’incontro era stato annunciato su Twitter dal portavoce del premier in risposta alla richiesta di chiarimenti arrivata dal deputato di Forza Italia, Antonio Palmieri.

Francesca Massimano

Laureata in lingue e letterature straniere, amo la letteratura spagnola e i libri di Miguel de Unamuno. Ho conseguito due master, il primo in “Programmazione Comunitaria” e il secondo in “Media Entertainment”. Ho fatto diverse esperienze di stage e di lavoro, dal Parlamento Europeo a Radio1 Rai, passando per la puntata 0 di un programma tv creato grazie ad un bando di Regione Lazio. Mi sono trasferita a Roma da qualche anno e sogno di rimanerci per tutta la vita.