HomeCronaca Colpo alla ‘ndrangheta: beni per mezzo milione sequestrati a Lamezia Terme

Lamezia Terme, beni
per mezzo milione di euro
sequestrati alla 'ndrangheta

Intestati ad un esponente di una cosca

Le conseguenze dell'operazione "Perseo"

di Carmelo Leo20 Febbraio 2017
20 Febbraio 2017

C’era una grossa sproporzione tra il suo tenore di vita e ciò che dichiarava di possedere. Così le indagini condotte dal Nucleo di polizia tributaria – Gico di Catanzaro hanno portato ad un sequestro di beni per oltre 500.000 euro ai danni di Luciano Trovato, considerato un esponente della cosca Giampà di Lamezia Terme. Nei mesi scorsi l’uomo è stato condannato in appello a quattro anni di reclusione in seguito al processo scaturito dall’operazione antimafia “Perseo”. Il sequestro è scattato poi in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, che fa capo al procuratore Nicola Gratteri. Tra i beni sequestrati figurano le quote di otto unità immobiliari site a Lamezia Terme, quelle di un’azienda di autocarrozzeria e commercio di autovetture e anche una parte di un’attività economica che gestisce un locale della movida. Quest’ultimo si trovava già sottoposto a sequestro per una vicenda di interposizione fittizia di beni.

Ti potrebbe interessare

Master in giornalismo LUMSA
logo ansa
Carlo Chianura
Direttore delle testate e dei laboratori
Fabio Zavattaro
Direttore scientifico
@Designed & Developed by Bedig