Condannati due ultras della Roma per l’aggressione ai tifosi del Tottenham, ma il raid è stato realizzato insieme a degli ultras laziali

UltrasUltras romanisti e laziali uniti dalla violenza. La condanna di Mauro Pinnelli a 5 anni di reclusione e quella di  Francesco Ianari a 4 anni e 6 mesi è indicativa di questa unione: questi due ultras romanisti sono tra i protagonisti dell’aggressione ai supporters del Tottenham avvenuta un anno fa al Drunken Ship, in pieno di centro di Roma, in occasione della partita della squadra londinese contro la Lazio.
Antisemitismo comun denominatore. Il Tottenham è la squadra supportata dalla maggioranza della comunità ebraica londinese. Quindi è possibile che ci sia stato uno sfondo di antisemitismo alla base dell’aggressione che è stata particolarmente violenta: il lancio di fumogeni e gas asfissianti, l’utilizzo di coltelli, bastoni e mazze ferrate ne sono una testimonianza.
Sono stati i romanisti ad avvisare i cugini. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, sono stati proprio i due tifosi giallorossi ad avvisare i “cugini”, cioè i  tifosi della Lazio, che nel locale “c’erano un po’ di inglesi”.
Al di là dei dettagli delle indagini, sono state le riprese delle telecamere  della zona a incastrare i due violenti.

 

Alessio Perigli