Il caso Dj Fabo e fine vitaLa Corte Costituzionale"Ora decida il Parlamento"

Fico: "Dibattito politico che sia attento e sensibile"

La Consulta non decide. La decisione sulla costituzionalità dell’articolo 580 del codice penale che punisce l’aiuto al suicidio è rimandata al 24 settembre del 2019. Intanto la Corte Costituzionale chiede al Parlamento di intervenire per riformare la legge sulla spinosa questione del “fine vita”.

La vicenda è iniziata il 27 febbraio del 2017, quando Fabiano Antoniani, noto come Dj Fabo, muore in una clinica svizzera con il suicidio assistito. Ad accompagnarlo c’è Marco Cappato che, al ritorno in Italia, si è autodenunciato per aiuto al suicidio. Il processo inizia a novembre e a febbraio la prima Corte d’Assise di Milano chiede alla consulta di esprimersi sulla legittimità costituzionale del reato.

Ora “Il Parlamento non può ora non affrontare il tema dell’eutanasia”, ha affermato Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera. Il tema è destinato a dividere. Il presidente della Camera Fico invita la politica al dibattito con “attenzione e sensibilità”.

Camilla Canale

Cresciuta tra Roma e Milano ma adottata dal Kenya. Ha studiato Filosofia e Scienze Politiche e si è appassionata ad entrambe. Ricercatrice, surfista, videomaker e umorista di professione. La sua ambizione è di rendere la cultura accessibile universalmente. L’informazione e la verità sono i suoi strumenti.