Salvini: "Dall'Ue un attaccoall'economia italianaAvanti, non cambiamo"

Moscovici: "La porta resta aperta ma attenti al fascismo"

“Oggi nessuno può stupirsi, ma non è la fine della storia, è una tappa: la porta per un dialogo costruttivo resta aperta”. Così ha dichiarato il commissario europeo Pierre Moscovici in relazione alla contestazione formale del bilancio programmatico italiano. È la prima volta che accade nella storia ventennale della Ue, ora il governo Conte ha tempo fino al 13 novembre per modificare il Def.

Nello specifico, la manovra per il 2019 non ottempera gli impegni sulla riduzione del deficit strutturale, ossia la differenza tra entrate e uscite dello Stato al netto degli effetti del ciclo economico, aumentandolo dello 0,8% anziché ridurlo dello 0,6%. Se non dovessero esservi modifiche, la Commissione europea potrebbe aprire una procedura per deficit eccessivo, con il rischio di sanzioni fino a 9 miliardi di euro.

Salvini resta fermo sulle sue posizioni, dichiarando che la bocciatura “è un attacco all’economia” e che “da Bruxelles possono anche mandare 12 letterine, ma la manovra non cambia”. Sulla stessa lunghezza d’onda il sottosegretario Giorgetti, che a Porta a Porta spiega come l’Italia non è più supina all’Europa, ma “se sbagliamo siamo pronti a correggere attuando meccanismi automatici sulla spesa”.

Il taglio delle spese e la rimodulazione delle misure, escludendo però l’introduzione di una patrimoniale, è l’ipotesi adombrata dal premier Giuseppe Conte, il quale sostiene che “se per qualche motivo dovessimo andare in difficoltà, semplicemente adotteremmo dei tagli di spesa per rientrare negli obiettivi prefigurati”.

Venerdì è inoltre attesa la pagella di S&P’s, che potrebbe essere peggiore di quella di Moody’s e di conseguenza aumentare lo spread. In tal caso l’esecutivo potrebbe essere costretto a correre ai ripari già nelle prossime settimane.

Alessandro Rosi

Il basket lo appassiona mentre la scrittura lo emoziona. Nato a Roma nel 1989, intraprende la carriera giuridica fino ad ottenere l’abilitazione alla professione forense, ma nel frattempo viene stregato dal mondo del giornalismo. Come dice John Lennon: “La vita è ciò che ti succede mentre stai facendo altri progetti”.