Un'impiegata davanti allo schermo del computer nel suo ufficio durante l'orario di lavoro in una foto di archivio. | Foto Ansa

Istat, 10 milioni di donneoccupate in Italia. Ma restail divario tra Nord e Sud

Forte il gender pay gap nel privato Incidono contratti a termine e part-time

ROMA – Un milione di donne in più occupate nel 2023 e un tasso di occupazione in aumento dal 39,4% al 42,2%. Sono i dati Istat dell’occupazione femminile in Italia che, nonostante i passi in avanti, si attestano ancora tra i più bassi in Europa, insieme a Malta e alla Grecia. In attesa della giornata internazionale che celebra le donne, l’ultimo rapporto dell’Istituto nazionale di statistica riferito ai dati del 2023 constata la presenza di alcune tendenze ormai radicate, a partire dal profondo divario occupazionale tra Sud e Nord Italia.

La mappa italiana, Sud e isole lontanissime dal Settentrione

In Calabria, Campania e Sicilia lavora una donna su tre. Si tratta del più basso tasso di occupazione femminile in Italia. Questo viene clamorosamente ribaltato se ci si sposta all’estremo nord, in Trentino Alto-Adige, dove il tasso sale al 66,2%, allineandosi alla media europea.

Il gender gap non è solo salariale

Altro dato eclatante riguarda il gender pay gap, la differenza di retribuzione salariale fra uomini e donne. Il fenomeno si registra soprattutto nel privato: se si guarda alle retribuzioni medie annue lorde delle lavoratrici e dei lavoratori, il gap è di 7.922 euro annui per le donne che lavorano per aziende private (- 30% rispetto agli uomini) e di 9.895 euro annui nel pubblico (-24,6%).

Ma non si tratta solo di stipendi più bassi. Differenti sono anche le opportunità alle quali le donne possono accedere, spesso a causa del tempo dedicato alla cura dei familiari. Infatti, a incidere sulla dinamica delle retribuzioni femminili è sicuramente l’ampia diffusione dei contratti a termine e la formula part-time, che consentono un migliore bilanciamento tra vita lavorativa e privata. Nel privato il 47,7% delle donne è occupato a tempo parziale a fronte del 17,4% degli uomini. Questa tipologia contrattuale si concentra soprattutto in quelle regioni dove il tasso di occupabilità femminile è più basso. A pesare anche i contratti a tempo determinato, la cui discontinuità porta a una minore retribuzione annua complessiva per le lavoratrici. Un fenomeno che incide profondamente nell’economia nazionale e fa sprofondare il Paese agli ultimi gradini della classifica europea. 

Sofia Zuppa

Nata ad Arezzo, città natale di Petrarca e Vasari, sono migrata nella dotta, la rossa e la grassa Bologna, città dai contorni caldi che mi ha amabilmente cresciuta. Infine sono piombata nell'antica ed eterna Roma. Un viaggio sempre intessuto dall'amore per lo studio e per il giornalismo, una passione che spero un giorno possa portarmi ancora più lontano...