Il segretaio del Pd Enrico Letta. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Letta: "Mai un leader di un partito al Quirinale"Fico: "Elezioni nel 2023"

Asse tra M5s e Pd per il Colle Si voterà tra il 18 e il 24 gennaio

Come Presidente della Repubblica “non c’è mai stato nessun leader o capo politico. E non è un caso”. Queste le parole del segretario del Pd, Enrico Letta, intervistato dal IlSole24ore.it. Mentre il presidente della Camera, Roberto Fico, ha escluso il ritorno alle urne prima del termine naturale della legislatura. Il leader del M5S, Giuseppe Conte, si è espresso a favore del consolidato asse con il Pd anche per il Quirinale.

Secondo il segretario dei dem, il ruolo del Presidente della Repubblica è unico: “Rappresenta un arbitro, un motore, un garante che dà voce a tutti i cittadini. Da qui si capisce la delicatezza del profilo che deve avere”. Inoltre, “rivedendo i 12 (passati) presidenti, viene fuori che non c’è mai stato nessun leader o capo politico. E non è un caso. Richiede una figura di spiccata sensibilità delle istituzioni. Questo non sarà banale nella scelta”, ha spiegato Letta. Come aveva già fatto il ministro Andrea Orlando, qualche giorno fa, il segretario del Pd ha ribadito – di fatto –  il suo no alla candidatura di Silvio Berlusconi al Colle.

Inoltre, ieri durante un incontro con i giornalisti parlamentari alla Camera, il presidente Roberto Fico ha chiarito la sua posizione su possibili elezioni politiche. “A prescindere da tutto, penso che la legislatura debba proseguire fino al 2023, in questo momento d’emergenza non credo che l’Italia possa permettersi la campagna elettorale”. Sulla possibile data del voto, il presidente della Camera prevede una seduta comune tra il 18 e 24 gennaio.

Giuseppe Conte, infine, non esclude “un’iniziativa comune con il Pd su una figura di alto profilo morale”. Le sue dichiarazioni sono state seguite da Enrico Letta che ha spiegato: “Da Conte ho sentito parole importanti, chi tenta l’operazione di elezione al Colle ‘alla Leone’ non ha capito il tempo che sta vivendo questo Paese”.

Francesca Massimano

Laureata in lingue e letterature straniere, amo la letteratura spagnola e i libri di Miguel de Unamuno. Ho conseguito due master, il primo in “Programmazione Comunitaria” e il secondo in “Media Entertainment”. Ho fatto diverse esperienze di stage e di lavoro, dal Parlamento Europeo a Radio1 Rai, passando per la puntata 0 di un programma tv creato grazie ad un bando di Regione Lazio. Mi sono trasferita a Roma da qualche anno e sogno di rimanerci per tutta la vita.