Foligno, bambino umiliatoin classe dall'insegnanteIl Miur sospende il maestro

Il docente: "Era un esperimento sociale" Il papà del bimbo: "È razzismo"

Insegnare il razzismo imitandone i modi. È quanto avvenuto in una scuola elementare di Foligno, dove un maestro ha costretto un bambino nero a voltarsi verso la finestra, deridendolo per mostrare agli altri alunni quanto possa essere ripugnante una condotta del genere.

“È un episodio di razzismo e non si è trattato di un esperimento sociale. I miei figli stanno male”, ha detto il papà dell’alunno di colore, rispondendo alle giustificazioni del maestro che ha sostenuto si trattasse solo di un esperimento. “E comunque – ha proseguito il genitore –  non riterrei giusto che possa aver preso i miei figli per fare un esperimento”.

Vittima dell’episodio di razzismo sarebbe stata infatti anche la sorella. L’insegnante le avrebbe detto: “Sei così brutta che possiamo chiamarti scimmia”.

Sulla vicenda, che ha già portato alla decisione del Miur di sospendere il maestro, la procura di Spoleto ha ordinato ieri un’indagine al commissariato di Foligno.

 

 

Alessandro Rosi

Il basket lo appassiona mentre la scrittura lo emoziona. Nato a Roma nel 1989, intraprende la carriera giuridica fino ad ottenere l’abilitazione alla professione forense, ma nel frattempo viene stregato dal mondo del giornalismo. Come dice John Lennon: “La vita è ciò che ti succede mentre stai facendo altri progetti”.