Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con Yoon Suk Yeol, Presidente della Repubblica di Corea | Foto Ansa

Mattarella in Corea del Sudin visita al 38° paralleloFirmati tre accordi d'intesa

Riflessione sulla pace internazionale Rafforzati partenariato e interscambio

SEUL – “Una guerra che non si conclude con il conseguimento della pace comporta il rischio costante di nuove violenze”. È questa la riflessione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella rilasciata al termine della visita al 38° parallelo, la zona de-militarizzata al confine tra Corea del sud e del nord. Un luogo dove “si è svolta una pagina cruciale della storia”, ha ricordato il presidente Mattarella.

Il Capo dello Stato ha, inoltre, incontrato il suo omologo, il presidente Yoon Suk-Yeol. Per l’occasione Mattarella ha ribadito l’importanza della pace a livello internazionale.

Il capo dello Stato ha poi sottoscritto tre protocolli d’intesa bilaterale a Seul con il presidente coreano. Alla base degli accordi il rafforzamento della collaborazione scientifica e tecnologica, l’aumento della collaborazione industriale e la cooperazione nel campo delle attività spaziali per fini pacifici.

 

Alessandro Raeli

Nato nel '98 nella terra del sole, del mare e del vento. Mi sono laureato in Interpretariato e Comunicazione all'Università Iulm di Milano, dove ho successivamente conseguito la laurea magistrale in Traduzione Specialistica. Appassionato di Formula 1 e dello sport in generale, sogno di diventare giornalista sportivo.