Pigneto, residenti furibondi. Sabato corteo contro il degrado

l’isola pedonale del Pigneto

Domani al Pigneto sarà una giornata di incontro, discussione e protesta per chiunque voglia intervenire e dare un segnale deciso contro lo stato di abbandono a cui è sottoposto parte del quartiere perennemente assediato da sbandati, pusher e giovani scalmanati. «Sono più di due anni che il quartiere si mobilita contro il narcotraffico» dichiarano a RomaToday i delegati del “Comitato Abitanti”, da sempre in prima linea nella salvaguardia di decoro e legalità ma che nel tempo non hanno visto cambiare poco o nulla.

Monta la paradossale protesta per l’isola pedonale che è stata riqualificata ed è «bellissima ma abbandonata dal municipio, comune e Ama, in mano ormai alle cosche del narcotraffico, dove la sporcizia e il degrado la distruggerà prima di ferragosto», spiegano dal comitato Abitanti.

Nonostante i lavori di riqualificazione dell’area il collaudo, ancora non avvenuto, impedisce ad Ama e Servizio Giardini di ripulirla. Tempi tecnici a passo di lumaca che mandano su tutte le furie lo stesso Giammarco Palmieri, presidente del VI Municipio: «Manca una determina dirigenziale degli uffici, non è nostra competenza, siamo i primi a restare senza parole».

Emanuele Bianchi

 

Emanuele Bianchi

Nasce in Toscana, ma vive da molti anni nella Capitale. Nel 2011 si laurea alla"La Sapienza" in Linguaggi e tecnologie del giornalismo e dell'informazione. Tesi in storia contemporanea, relatrice prof.ssa Simona Colarizi. Pubblicista dal 2006, collabora come cronista per varie testate cartacee occupandosi di sport, inchieste, politica, economia, costume e società. Tifoso viola, appassionato di calcio e di sport motoristici sogna di occuparsi di cronaca sportiva.