Il ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti al Miur durante presentazione terza edizione di Fiera Didacta, Roma 19 settembre 2019. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Polemica su Fioramontiper la scuola del figlio"Da padre sono turbato"

Il ministro nel mirino per i post social in cui attaccò Berlusconi e Santanchè

“Non pensavo che vivere molti anni all’estero lavorando duro potesse essere usato contro di me. Oggi non si attacca il mio lavoro. Sono turbato da padre e da cittadino”. Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti è l’uomo del momento. Dopo le polemiche sulle frasi offensive contro Berlusconi e Santanchè, trovate sul suo profilo Facebook e risalenti a qualche anno fa, e le contestate proposte sulla tassazione delle merendine e la rimozione dei crocifissi dalle scuole, una nuova diatriba colpisce il ministro grillino.

Nel mirino, la scelta di iscrivere il figlio alla scuola inglese e di non fargli sostenere l’esame di italiano. “Formulerò un esposto al garante della privacy, da privato cittadino e non da ministro”, ha scritto in un post, alla luce del fatto che alcuni giornalisti si erano introdotti nella scuola del piccolo per fare domande sul suo rendimento.

Massimiliano Cassano

Napoletano trapiantato a Roma per inseguire il sogno di diventare giornalista. Laureato in Mediazione linguistica e culturale, ossessionato dall’ordine. Appassionato di politica, arte, Lego, calcio e Simpson. Arbitro di calcio da giovanissimo per vocazione.