"Proteggere il territorio" L'invito di Mattarellaa collaborare nella tragedia

Il premier Gentiloni a Cernusco: "Mettiamo al centro la comunità"

«Questa ennesima calamità provocata da straordinario maltempo dovrà sollecitare al più presto nel mondo politico una riflessione, seria e approfondita,  su come difendere efficacemente il nostro territorio” . Questo l’intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dopo le polemiche delle scorse ore che hanno avvelenato il clima istituzionale. Il Capo dello Stato ha voluto ringraziare anche le persone “impegnate nella generosa opera di soccorso, effettuata in condizioni spesso proibitive”.

Anche il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che a Cernusco sul Naviglio, a margine dell’inaugurazione di una scuola, ha confermato «la solidarietà di tutto il Paese», invitando “tutte le istituzioni a collaborare senza fare polemiche, mettendo al centro la comunità”.

Due interventi forti, con l’intento di smorzare i toni dello scontro politico. È stato infatti un week end in cui gli attacchi e gli scarichi di responsabilità sono andati di pari passo con l’aumento delle precipitazioni e delle situazioni di crisi.

Polemiche fra il sindaco Filippo Nogarin e il presidente della Regione Enrico Rossi a Livorno, dove a causa delle precipitazioni, che hanno superato i 250 mm in meno di due ore, è stato registrato il bilancio più drammatico: sei morti sommersi da fango e detriti di un torrente tombato che è esondato, e due dispersi.

Scontri a distanza inoltre fra dem e M5s a Roma, dove i «deboli temporali» annunciati sabato dal sito della Città Eterna si sono palesati con una pioggia torrenziale che ha «superato i 100 millimetri di pioggia in sole tre ore anziché 70 millimetri diluiti in tutta la giornata». A peggiorare le cose il comunicato della Protezione Civile secondo il quale «i 100 millimetri di pioggia caduti in tre ore sono pienamente in linea con il bollettino di sabato. Si parlava di precipitazioni elevate e rovesci, in modo coerente con quanto è accaduto».

La reazione dei dem non si è fatta aspettare. Stefano Pedica, esponente del Pd, ha detto: “Raggi ha vinto con la promessa di pulire i tombini ed ecco i risultati”, e continua, “Cosa è stato fatto in sei mesi?”. Il suo collega Stefano Esposito la definisce su Twitter “una sindaca indegna e incapace e una giunta di ectoplasmi”. “Mai viste delle pippe simili”, taglia corto Roberto Morassut.

Massimiliano Venturini

Collabora dal 2006 con Radio Popolare Verona come conduttore di Impulse Jazz. In parallelo studia le potenzialità del mezzo radiofonico ideando e conducendo Rumori D’Ambiente e Linea di Confine. Nel 2016 entra a far parte della redazione giornalistica per la stessa emittente.