Tim perde il 3.3% in BorsaScontro riaperto tra socidopo la sfiducia a Genish

Duro l'ex Ad:"un putsch sovietico" Morgan Stanley taglia il giudizio

Dopo la decisione dei consiglieri di Elliott di revocare le deleghe all’amministratore delegato di Tim, Amos Genish, l’azienda affonda in Borsa in apertura di contrattazioni, perdendo il 3.3% a 0.52 euro. Il blitz di Elliott ha riacceso lo scontro con l’altro socio Vivendi.
Morgan Stanley ha tagliato il giudizio a equal-weight a causa dell’incertezza sulla società per via della conflittualità sia nel consiglio di amministrazione sia tra gli stessi azionisti. Bloomberg riporta come Bernstein abbia assegnato un nuovo prezzo obiettivo alle azioni di Tim, che equivale ad oltre il 20% in meno dei prezzi da saldo a cui l’azienda già tratta in Borsa. Nel report si legge come dopo la cacciata di Genish Tim sia “alla deriva”. Gli analisti consigliano addirittura di approfittare di eventuali rialzi del titolo per liberarsi delle azioni dell’azienda.
Genish ha commentato la sua defenestrazione definendola:”un vero putsch sovietico ai miei danni”.

Diana Sarti

Nata a Roma nel 1995, si è laureata in scienze politiche alla Luiss. Scrive soprattutto per il web, con particolare attenzione agli esteri. Appassionata di teatro e Giochi olimpici, ha scritto spesso di nuoto e atletica leggera. Viaggiatrice da sempre e poliglotta, parla cinque lingue.