"A bordo né minori né donne"Salvini isola la Sea Watche blocca la "staffetta" Pd

Il vicepremier condanna visite a bordo Lezzi: "Ue si prenda le responsabilità"

“Si parte oggi con la staffetta democratica di sostegno alla Sea Watch – aveva annunciato in mattinata il senatore e segretario regionale del Pd, Davide Faraone – saremo a Siracusa per salire a bordo della nave e chiedere l’immediato sbarco, a partire dai minori”. Circostanza negata dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Sulla Sea Watch, ci tengo a ribadirlo, non ci sono donne e bambini – ha detto, criticando duramente la visita dei parlamentari che ieri sono saliti a bordo della nave – non hanno rispettato le norme igienico-sanitarie, possono portare a terra di tutto e di più”. Tuttavia la staffetta di solidarietà è stata fermata dalla capitaneria di porto di Siracusa, che ha emesso un’ordinanza che vieta la navigazione, l’ancoraggio e la sosta di qualunque imbarcazione nel raggio di mezzo miglio dalla nave.

I parlamentari del Pd “hanno chiesto ed ottenuto un incontro in Prefettura, previsto per le 13 di oggi”, ha annunciato il candidato alla segreteria di partito Maurizio Martina, anche lui a Siracusa. “Ci sono otto minori soli e cinque accompagnati. E persone da curare. Chiediamo l’immediato attracco della Sea Watch. Non ci si può voltare dall’altra parte”, aveva scritto su Twitter Martina in mattinata, prima di vedersi negare la possibilità di salire sulla nave. Mentre Faraone ha annunciato una denuncia contro il vicepremier Salvini “per gli stessi reati commessi nel caso Diciotti”

“È l’Europa che deve prendersi la responsabilità. Perché è l’Olanda che li sta lasciando in mezzo al mare”, ha accusato la senatrice M5S Barbara Lezzi, Ministro per il Sud, difendendo la linea del governo. Critica condivisa da Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fdi alla Camera, estesa anche all’esecutivo italiano: “L’unica cosa certa è che nessuno in Europa sta dimostrando la volontà di concepire l’emergenza immigrazione in modo comunitario”.

Tommaso Coluzzi

Tommaso Coluzzi è nato e cresciuto a Roma, ha ventiquattro anni, un sacco di macchinette fotografiche ed una laurea in Comunicazione. Ama scrivere di tutto e si interessa, in ordine sparso, di dinamiche culturali internazionali, cinema, musica e tutto ciò che è catalogabile in ambito artistico