Carabinieri nei pressi della cascina che ospita una comunità di richiedenti asilo a Fontanella, nel Bergamasco, dove un 27enne della Sierra Leone, richiedente asilo, ha abusato di una giovane operatrice culturale di 26 anni, Bergamo, 20 settembre 2017. ANSA/GIANPAOLO MAGNI

Ventiseienne aggredita da un richiedente asiloin provincia di Bergamo

A salvare la donna due profughi Il colpevole è stato arrestato

Una donna di 26 anni è stata vittima di violenza sessuale nella struttura di accoglienza dove stava lavorando. E’ successo ieri mattina a Fontanella, nella Bassa Bergamasca. A picchiare e violentare l’operatrice sarebbe stato un richiedente asilo di vent’anni, ospite della struttura e proveniente dalla Sierra Leone.

Secondo la ricostruzione dei fatti, il ragazzo avrebbe spinto la donna nel bagno della struttura per poi picchiarla. Ancora da chiarire se sia stata consumata violenza sessuale. A correre in soccorso della ragazza sono stati altri due richiedenti asilo, anch’essi ospiti del centro, che hanno sentito delle grida. L’aggressore è scappato da una finestra ma i carabinieri, precedentemente allertati, l’hanno catturato nelle immediate vicinanze.

La vittima è stata ricoverata in stato di shock all’ospedale di Treviglio con una prognosi di 30 giorni. Nel frattempo gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire la dinamica dell’accaduto.

Giulia Torlone

Aquilana di nascita, si è laureata in Italianistica e vive a Firenze. Ha lavorato nel settore della cooperazione internazionale occupandosi di ufficio stampa. Redattrice su temi di diritto alla cittadinanza e giustizia sociale, ha concentrato il suo lavoro sui Paesi del bacino del Mediterraneo.