Arezzo, uccide il marito colpendolo col mattarelloal culmine di una lite

A dare l'allarme è stata la figlia l'assassina ha poi tentato il suicidio

Ha ucciso il marito colpendolo alla testa con un mattarello al culmine di una lite. A dare l’allarme è stata la figlia venticinquenne della coppia, che ieri sera, poco prima delle 23, ha chiamato il 118 dicendo che il padre era a terra con “la testa fracassata”. Il fatto è accaduto a Terranuova Bracciolini, in provincia di Arezzo. I sanitari, dopo aver dato indicazioni alla ragazza su come tentare di rianimare l’uomo, una volta arrivati sul posto hanno trovato il corpo di Enzo Canacci, 62 anni, tra bagno e corridoio. La moglie, Clara Sannini, 58 anni, che poi ha confessato il delitto, era sul divano. Subito dopo aver colpito il marito, la donna avrebbe tentato il suicidio ingerendo dei farmaci ed è stata trasportata all’ospedale valdarnese della Gruccia. Pare che i due coniugi avessero avuto una lite già nel corso del pomeriggio. Canacci era molto noto nella zona per aver ricoperto il ruolo di presidente della sezione comunale dell’Avis di Terranuova Bracciolini.