Crac Banca di VicenzaFiamme Gialle al lavorosequestri per 356 mila euro

La cifra coprirà le spese processuali Tra gli imputati anche l'ex presidente

Gli uomini del gruppo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Vicenza, sono al lavoro da stamattina per eseguire alcuni provvedimenti di sequestro conservativo disposti dal Tribunale. L’ordinanza ha coinvolto 5 persone, imputate nell’inchiesta sul crac della Banca Popolare di Vicenza, il cui processo è ancora in fase di udienza preliminare. Sono sette invece, gli ex dirigenti per i quali la procura ha richiesto il rinvio a giudizio nel luglio 2017. Tra questi, l’allora presidente Gianni Zonin.

Secondo quanto si apprende, il sequestro conservativo riguarda le spese del procedimento, come previsto dal codice penale, per un importo complessivo di circa 356 mila euro, cifra che servirà a coprire le spese processuali affrontate fino a ora ma che potrebbe arrivare ad un valore totale di 1 milione e 750 mila euro considerando i sequestri ai singoli imputati.

Lo scorso dicembre, durante l’audizione in commissione banche, Zonin aveva lamentato una consistente perdita di soldi nel crac della banca. L’ex presidente della popolare di Vicenza aveva poi negato di essere mai stato a conoscenza dei cosiddetti “finanziamenti baciati”, ovvero i prestiti connessi all’acquisto di azioni, e aveva smentito anche ogni suo coinvolgimento o intromissione nei comitati esecutivi. Per quanto riguarda gli altri imputati, tra cui anche l’ex direttore generale Samuele Sorato, saranno chiamati a rispondere delle accuse di ostacolo all’attività di vigilanza, aggiotaggio e falso in prospetto.

Luisa Vittoria Amen

Nata a Genova nel 1991 si laurea in Lingue e Culture moderne all'Università LUMSA di Roma. Dal 2014 è fashion editor e content writer di Pinkitalia, canale donna di QN di cui cura i contenuti moda e beauty. Viaggiatrice instancabile, lettrice onnivora, cinefila appassionata.