Coronavirus, test negativiI casi in Italia restano treNuovi rimpatri da Wuhan

Diamond Princess ferma in Giappone a bordo ci sono 35 passeggeri italiani

“Tutti i test relativi ai casi sospetti per il nuovo Coronavirus sono risultati negativi, compreso quello sulla donna italiana inviataci, a puro scopo precauzionale, dalla Città Militare della Cecchignola e sulla coppia proveniente da un pronto soccorso cittadino”. È quanto emerge dal bollettino quotidiano dell’ospedale Spallanzani.

Al momento quindi i casi confermati che si registrano in Italia restano tre: la coppia cinese attualmente in terapia intensiva e il giovane proveniente dal sito della Cecchignola.

L’equipe medica che sta monitorando giornalmente la situazione ha detto che “sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione 53 pazienti sottoposti al test per la ricerca del nuovo Coronavirus. Di questi, 36 sono risultati negativi e pertanto dimessi. Diciassette pazienti invece sono tuttora ricoverati”.

Altri controlli sono stati eseguiti sul gruppo di otto italiani proveniente da Wuhan atterrato ieri alle 14 all’aeroporto militare di Pratica di Mare, dopo che erano stati imbarcati su un aereo proveniente dalla base Raf di Brize Norton nell’Oxfordshire.

Dopo i primi controlli, il gruppo è stato trasferito in pullman all’ospedale militare del Celio, dove trascorrerà il programmato periodo di quarantena

Stamattina sono stati trasportati allo Spallanzani due bambini di 4 e 8 anni che presentavano alcune linee di febbre e che si trovavano alla Cecchignola insieme al gruppo dei 56 italiani rimpatriati i primi giorni di febbraio da Wuahan. Per entrambi, ha fatto sapere lo Spallanzani, i test col tampone hanno dato esito negativo al virus. “Presto, dopo la seconda verifica – annuncia la direzione sanitaria – potranno congiungersi con il resto della famiglia alla Cecchignola per completare il periodo di sorveglianza”.

Sulla nave di crociera Diamond Princess, ferma nella baia di Yokohama, in Giappone, ci sarebbero 60 persone contagiate dal Coronavirus. A bordo ci sono quasi 3.700 persone, tra cui 35 italiani, di cui 25 membri dell’equipaggio, incluso il comandante Gennaro Arma. Il periodo di quarantena per loro potrebbe durare fino al 19 febbraio.

Giuseppe Galletta

Nato a Messina il 2 Giugno 1988. Dopo la maturità scientifica conclude gli studi presso l’Università di Messina conseguendo la laurea in Giurisprudenza arricchita dalla frequentazione della Scuola di Specializzazione per le professioni legali. Nel 2018 entra a far parte del Master di Giornalismo presso l’Università Lumsa di Roma.