Istat: disoccupazione +10,6%Il Pil cala dello 0,1%Non accadeva da quattro anni

Meno lavoro per i giovani Crescono i contratti stabili

Per la prima volta dal 2014 l’Istat registra un calo del Pil pari allo 0,1% nel terzo trimestre del 2018 rispetto a quello precedente. È il primo dato negativo dopo 14 trimestri di crescita.

Non a caso i dati pubblicati dall’Istituto di statistica sul tasso di disoccupazione del nostro paese registrano un aumento del 10,6% rispetto al mese di settembre, dove i disoccupati erano 2.746.000, in crescita di 64mila unità su settembre e in calo di 118mila unità su ottobre 2017.

Il numero dei disoccupati è cresciuto perché è aumentata la percentuale di coloro che si sono attivati per cercare un lavoro. Se si guarda al trimestre agosto-ottobre il tasso di disoccupazione è diminuito di 0,2 punti sul trimestre precedente. Sale anche il dato relativo alla disoccupazione giovanile, in rialzo al 32,5%.

L’istituto di statistica informa che il numero degli occupati è rimasto stabile rispetto al mese di settembre, crescendo di 9mila unità. Un dato che riflette un calo di 16mila unità per i lavoratori indipendenti e un aumento di 25mila per i lavoratori dipendenti. Tra questi, diminuiscono rispetto a settembre i lavoratori a termine (-13mila) e aumentano i posti stabili (+37mila).

Più nello specifico le stime Istat affermano che ad ottobre il tasso di occupazione rimane invariato sul mese sia per gli uomini (al 67,9%) sia per le donne (al 49,5%) mentre il tasso di disoccupazione cresce di più per le donne (+0,3 punti, arrivando all’11,8%) che per gli uomini (+0,1 punti, raggiungendo il 9,6%).

In merito alle fasce d’età si evidenzia la crescita degli occupati tra gli over 50 (+43mila su settembre, +330mila su ottobre 2017) e dei giovani tra i 15 e i 24 anni (+6mila occupati). La fascia che perde più occupati è quella tra i 35 e i 49 anni (-26mila sul mese, -168mila sull’anno).

L’Istat spiega, infine, che il tasso di occupazione è rimasto stabile al 58,7%. L’occupazione appare in calo nel trimestre agosto-ottobre rispetto a quello precedente (-40mila unità).

Giuseppe Galletta

Nato a Messina il 2 Giugno 1988. Dopo la maturità scientifica conclude gli studi presso l’Università di Messina conseguendo la laurea in Giurisprudenza arricchita dalla frequentazione della Scuola di Specializzazione per le professioni legali. Nel 2018 entra a far parte del Master di Giornalismo presso l’Università Lumsa di Roma.