Elezioni europee 2024Divisioni tra FdI, Lega e FIsulla soglia di sbarramento

Salvini e Tajani bocciano la proposta Renzi lancia Il Centro, Calenda: auguri

ROMA – È scontro politico sulla riduzione della soglia di sbarramento in vista delle europee. Dopo l’apertura di Fratelli d’Italia alla possibilità avanzata dai Verdi di modificare la legge elettorale per le elezioni Ue del 2024, la Lega e Forza Italia dicono no alla proposta.

Il partito di Matteo Salvini, in una nota, si è detto contrario all’abbassamento del quorum dal 4% al 3% che permetterebbe ai partiti più piccoli di avere maggiori opportunità di successo al voto di giugno. “La modifica della legge elettorale non è una priorità, ma soprattutto è giusto che gli italiani scelgano i propri rappresentanti senza che ci siano aiutini. Chi ha i voti, ottiene il seggio. Peraltro, in teoria sarebbe più ragionevole alzare la soglia: consentirebbe di limitare la frammentazione politica che rende il Paese più debole”, precisa il Carroccio.

Una specifica che sposta le interlocuzioni avviate ieri fra la maggioranza e alcuni partiti di opposizione sulla scia della trattativa sviluppatasi in Senato, in cui sarebbe coinvolto anche il ministro per l’Agricoltura, Francesco Lollobrigida.  E che probabilmente interferirà sugli incontri sul tema, previsti nei prossimi giorni.

Tentennamenti arrivano anche da Italia Viva, mentre lo stesso Matteo Renzi annuncia la sua candidatura alle europee, nel collegio di Milano, lanciando “il Centro”. Un progetto con cui il leader di Italia Viva “spera di rubare voti sia Forza Italia sia al Pd”. “Tanti auguri per il progettino del Centro, qualunque cosa sia, e per la candidatura di Renzi”, ha detto, in un’intervista al Corriere della Sera, il segretario di Azione Carlo Calenda.

Maria Sole Betti

Classe '96, cresciuta tra l'Adriatico e l'ombra della Madonnina. Da sempre attratta dalle storie degli altri, mi sono laureata in Scienze Politiche all'Università Statale di Milano. Dopo un Erasmus a Barcellona e una magistrale in Istituzioni e tutela dei diritti, l'approdo a Roma per fare del sogno del giornalismo una professione. Curiosità e chiacchere guidano la mia vita, ma, del resto, ho la luna in Ariete.