Un giro di falsi matrimoniper favorire l'immigrazionediciannove arresti in Puglia

All'opera i carabinieri di Foggia nel mirino persone italiane e straniere

Pagavano tra i 7mila e i 10mila euro per ogni matrimonio. Questo il giro d’affari per 15 sposalizi combinati finora accertati tra cittadini italiani e marocchini per fare ottenere a questi ultimi il visto di ingresso nel nostro Paese. E’ quanto ritiene di aver accertato l’indagine della magistratura foggiana e dei carabinieri che stamani hanno arrestato 19 persone, 8 finite in carcere e 11 ai domiciliari. Gli inquirenti ritengono che fossero i tre indagati stranieri il perno dell’attività illecita, individuando le persone che per circa 2000 euro erano disposte a contrarre il matrimonio all’estero. Poi, una volta sposati in Marocco, producevano la documentazione presso l’Ambasciata d’Italia per il rilascio del visto d’ingresso del coniuge. Il reato contestato alla banda è il favoreggiamento dell’immigrazione illegale nel territorio dello Stato italiano.

Valerio Cassetta

Nato a Roma il 26 agosto 1990, è iscritto all’Albo dei Giornalisti dal 2012 nell'elenco dei pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza presso l'Università Lumsa di Roma nel 2015, collabora con "Il Messaggero" per la redazione sportiva. Inviato e reporter radio-televisivo.