Figliuolo si raccontal'8 marzo esce "Un italiano"il primo libro del generale

Una conversazione con Severgnini Sarà pubblicato da Rizzoli

L’8 marzo uscirà il libro di Francesco Paolo Figliuolo, Commissario straordinario per l’emergenza Covid 19. Prossimo alla scadenza del mandato, il commissario si racconta per la prima volta in “Un italiano. Quello che la vita mi ha insegnato per affrontare la sfida più grande”, una conversazione con Beppe Severgnini. Il libro sarà pubblicato da Rizzoli.

“Vorrei raccontarvi quello che ho cercato di fare per l’Italia e perché. Proverò a essere preciso, ma voglio anche essere sincero e raccontarvi il dietro le quinte di questa strana, faticosa, a tratti entusiasmante stagione del nostro Paese” afferma.

Il primo marzo 2021, mentre l’Italia era nel pieno della pandemia ed era indispensabile far decollare la campagna di vaccinazione, la presidenza del Consiglio lo ha scelto come Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. Così gli italiani hanno imparato a conoscere Francesco Paolo Figliuolo, la sua divisa e il suo cappello con la penna.

Nel libro è uscita la storia di “un ragazzo meridionale di periferia” che, dopo il liceo classico a Potenza e l’Accademia militare a Modena, segue il consiglio del colonnello che comandava il distretto della sua città: “Francesco, tu devi andare in artiglieria da montagna, perché lì si fanno le cose seriamente. E poi noi di Potenza siamo montanari…”.

Enrico Scoccimarro

Laureato in Scienze politiche e sociali a Torino con una tesi sulla violenza di genere, frequento il master in giornalismo LUMSA dal 2020. Amo osservare le realtà che mi circondano e capirne il significato. Ho trattato nei miei articoli questioni di genere, antisessismo in generale e sport. Le mie passioni più grandi sono la cultura greca, il calcio e la cucina.