Rsf: nel 2021 recorddi giornalisti detenutisono 488, +20% in un anno

Dati su report uccisi ai minimi Bielorussia e Cina i peggiori

“Mai dalla creazione del rapporto di Rsf nel 1995 il numero di giornalisti detenuti è stato così elevato”. È quanto si legge nel comunicato dell’ong Reporter senza frontiere, il cui bilancio annuale rivela che nel 2021 è stato raggiunto il numero record di 488 giornalisti detenuti nel mondo. Sono 46 invece i professionisti dei media uccisi in un anno, la cifra più bassa degli ultimi 20 anni. L’ong spiega che l’aumento annuale del 20% di giornalisti detenuti “è principalmente il risultato di tre Paesi”: Birmania, Bielorussia e Cina.

Numerose anche le donne reporter che sono state arrestate. “Mai Rsf ha registrato così tante giornaliste detenute”: sono 60, un terzo in più rispetto al 2020. Mentre gli uomini rappresentano ancora la maggioranza dei giornalisti incarcerati nel mondo con l’87,7%. Messico e Afghanistan sono i due Paesi più pericolosi per i giornalisti, con rispettivamente sette e sei morti nel 2021. Anche la quota di giornaliste donne uccise è aumentata, da due a quattro in un anno.

Alessio Brandimarte

Mi chiamo Alessio Brandimarte, ho 23 anni e vengo da Roma. Laureatomi in scienze politiche alla LUISS nel 2019, ho iniziato a scrivere di sport per la rivista online LifeFactoryMagazine.