Operai nell'HUB di economia Circolare di Stellantis presso il comprensorio Mirafiori | Foto Ansa

Istat, Pil acquisitoper il 2024sale a +0,2%

Stima rivista in lieve rialzo Valore stabile dei paesi dell'area Euro

ROMA – Un rialzo rispetto alla stima precedente. La variazione acquisita del Pil per il 2024, cioè quella che si avrebbe in presenza di una variazione congiunturale nulla nei restanti trimestri dell’anno, è infatti pari a +0,2%. Nella stima diffusa il 30 gennaio, invece, la crescita acquisita era pari a +0,1%.

Inoltre, il quarto trimestre del 2023, evidenzia l’Istat, ha avuto tre giornate lavorative in meno del trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al quarto trimestre del 2022. “La crescita è spiegata soprattutto dagli investimenti, dalla domanda estera netta e – chiarisce l’Istat – dalla spesa delle Amministrazioni Pubbliche che hanno fornito contributi positivi pari rispettivamente a 0,5, 0,4 e 0,1 punti percentuali”.

Nel quarto trimestre, il Pil è cresciuto in termini congiunturali dello 0,8% negli Stati Uniti e dello 0,1% in Francia, mentre è diminuito dello 0,3% in Germania. In termini tendenziali si è registrata una crescita del 3,1% negli Stati Uniti e dello 0,7% in Francia, mentre in Germania si è registrata una diminuzione dello 0,2%. Nel complesso, il Pil dei paesi dell’area Euro è rimasto stabile rispetto al trimestre precedente ed è cresciuto dello 0,1% nel confronto con il quarto trimestre del 2022.

Alessandro Raeli

Nato nel '98 nella terra del sole, del mare e del vento. Mi sono laureato in Interpretariato e Comunicazione all'Università Iulm di Milano, dove ho successivamente conseguito la laurea magistrale in Traduzione Specialistica. Appassionato di Formula 1 e dello sport in generale, sogno di diventare giornalista sportivo.