La Consulta chiede una leggeper i figli delle coppie gaynati con la surrogazione

Per giudici c'è un vuoto normativo che lede "l'interesse del minore"

Una legge a tutela dei bimbi di figli di coppie omosessuali e nati all’estero con fecondazione eterologa. È la richiesta che la Corte Costituzionale ha rivolto al legislatore, spingendo per il riconoscimento giuridico di entrambi i componenti della coppia che ne hanno voluto la nascita e hanno esercitato la responsabilità genitoriale.

Secondo la Consulta il vuoto di tutela nel nostro ordinamento “non è più tollerabile, in quanto lede il superiore interesse del minore, riconosciuto non solo dalla Costituzione ma anche dalle carte sovranazionali”. “Spetta quindi al legislatore – spiegano i giudici costituzionali – individuare il ragionevole equilibrio tra i beni costituzionali coinvolti”.

Andrea Persili

Classe 1990, laurea in Giurisprudenza e tante passioni: dalla politica alla letteratura, dalla storia alla filosofia. Ho fatto da relatore in seminari sul diritto di cittadinanza. Ho scritto di caporalato e mobbing. Ed alla fine ho scoperto che il giornalismo è la mia vera passione: la curiosità di indagare in territori inesplorati e di dare voce a chi non può farlo.