Lavoro, cresce l'occupazionepiù 217mila unità nel 2019Dati positivi per i giovani

L'Istat certifica un nuovo aumento sia per le donne che per gli uomini

Aumenta il numero di occupati a ottobre rispetto al mese precedente con una crescita di 46mila unità (+0,2%). Secondo i dati Istat l’incremento è avvenuto anche su base annua con un aumento di 217mila unità (+0,9%) e il tasso di occupazione è salito al 59,2%.

La disoccupazione, a ottobre, scende al 9,7% con un calo dello 0,2% e riguarda tutte le fasce d’età. In particolare, tra i giovani tra i 15 e i 24 anni si riduce al 27,8%. Durante i dodici mesi i disoccupati sono 269mila in meno.

“L’andamento è altalenante – commenta l’Istat – e la crescita è dovuta in particolare all’aumento dei lavoratori indipendenti, mentre sono sostanzialmente stabili i dipendenti permanenti”.

Su base annua l’aumento coinvolge sia le donne che gli uomini e tutte le classi d’età, esclusi i 35-49enni. La crescita nell’anno è trainata dai dipendenti (+231 mila) e in particolare dai permanenti (+181 mila), mentre calano gli indipendenti (-15 mila). Gli inattivi durante i dodici mesi sono diminuiti (-0,4%) e il tasso d’inattività è del 34,3%.

L’occupazione mensile aumenta per entrambe le componenti di genere, cresce tra gli over 35 (+49 mila), cala leggermente nella fascia compresa tra i 25 e i 34 anni ed è stabile tra gli under 25. A ottobre crescono gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+0,2%).

Andrea Murgia

Nato a Palermo l’8 aprile 1993, ho una laurea triennale in Scienze della Comunicazione e adesso ho iniziato il Master biennale in Giornalismo alla Lumsa. Amo lo sport, in particolare calcio e motori, e la musica rock e metal.