Battesimo di Liberi e Ugualinasce la nuova sinistraguidata da Pietro Grasso

Renzi: "Il vero leader sarà D'Alema" Orlando: "Non pregiudicare il dialogo"

Il progetto della sinistra, infine, va in porto. La lista unitaria tra Mdp, Sinistra Italiana e Possibile è stata presentata ieri all’Atlantico Live di Roma. Si chiamerà “Liberi e Uguali”. E alla guida ci sarà il Presidente del Senato Pietro Grasso. Renzi però non crede che Grasso sarà davvero al timone della sinistra, dietro cui vede la longa manus di D’Alema. Mentre Orlando spera nel dialogo tra Pd e la nuova lista.

L’investitura.  “C’è in gioco il futuro dell’Italia e questa è la nostra sfida: battersi perché tutti, nessuno escluso, siano liberi e uguali”. Così il leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso, parafrasando il nome della nuova formazione.

Grasso se l’è presa contro alcuni luoghi comuni della politica. “L’unico voto utile è per chi costruisce speranze portando in Parlamento i bisogni e le richieste della metà d’Italia che non vota”. E ancora: “Ho ricevuto tante telefonate, mi hanno chiesto di fermarmi un giro, fare la riserva della Repubblica: mi spiace, questi calcoli non fanno per me”.

Renzi non ci crede. “A Grasso faccio in bocca a lupo. Poi bisogna capire se comanderà lui o D’Alema“. Con questa battuta resa a Fabio Fazio durante l’intervista a Che Tempo Che Fa di ieri sera il segretario del Pd ha minimizzato la nuova leadership di Liberi e Uguali. “D’Alema per mestiere ha sempre attaccato il leader del partito più vicino”. E aggiunge: “Votare per la Cosa Rossa sarà come fare un favore alle destre”. Fratoianni stamattina ha liquidato le parole di Renzi così: “Battute poco eleganti e poco interessanti”. E Speranza: “A me di Renzi non interessa nulla”.

Orlando spera nel dialogo. “Credevo che potesse essere una figura in grado di ricomporre il quadro. Ma oggi con la sua scelta, che va rispettata, questa prospettiva è più difficile”. Cosi Andrea Orlando, ministro della Giustizia, ai microfoni di Radio Capital. Che non perde comunque la speranza in un’alleanza, da farsi prima o poi: “La storia della sinistra è fatta da scissioni che per fortuna non hanno pregiudicato il dialogo”.

Christian Dalenz

Nato a Roma il 30/10/85. Laureato all’Università La Sapienza (Roma) in Relazioni Economiche Internazionali nel 2011 e in Analisi Economica delle Istituzioni Internazionali nel 2014, e in Economic Policy alla Facoltà di Arti e Scienze Sociali dell’Università di Kingston (Londra) nel 2016. Scrive articoli di politica, economia, cinema e musica per varie testate, tra cui Lumsanews, Forexinfo e Slowcult. Facebook: https://www.facebook.com/articolidalenz