Maltempo in tutta Italiadanni a Bolzano e a Napoliriattivato il Mose a Venezia

Zincone: "Da oggi paratoie alzate" Riunione per cambiare il meccanismo

Il maltempo non lascia tregua. Da nord a sud pioggia e neve investono l’Italia. In Alto Adige e Campania scatta l’allerta rossa. Arancione in Basilicata, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Umbria e Veneto. Allerta gialla, invece, in Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Molise, Sardegna, Sicilia e Toscana.

Resta interrotta la ferrovia del Brennero, nella provincia autonoma di Bolzano, dopo che una frana ha causato il blocco della linea. Dovrebbe riaprire l’11 dicembre la linea della Val Pusteria. Migliora invece la situazione sulle strade della provincia di Bolzano, che riaprono parzialmente su una corsia.

Intanto a Giugliano, in provincia di Napoli, circa 50 famiglie sono rimaste bloccate in casa per più di 72  ore a causa di una voragine che ha reso impossibile l’accesso alle loro abitazioni. Anche il Friuli Venezia Giulia tra le regioni più colpite: nevica senza sosta da venerdì. Circa 400 le chiamate al 112 per segnalare i danni causati dal maltempo. I vigili del fuoco sono impegnati insieme alla Protezione civile con 420 volontari e 150 mezzi. Secondo le previsioni le precipitazioni dovrebbero attenuarsi in serata.

Di nuovo in piedi da stamattina, invece, le paratoie del Mose a Venezia, che resteranno attive per tutta la settimana. Da oggi fino a venerdì sono previste tre maree eccezionali. “Stiamo cercando di calibrare le aperture e le chiusure nel modo migliore” ha spiegato stamattina Cinzia Zincone, a capo del Provveditorato delle opere pubbliche del Nordest. E sulle polemiche per la mancata messa in funzione del Mose, ha anticipato a oggi la convocazione di una riunione “per analizzare quanto è successo ieri e apportare cambiamenti significativi”.

Paola Palazzo

Laureata in Culture della moda nella Facoltà di lettere e beni culturali all'Università di Bologna. Frequento il Master di 1° livello in Giornalismo alla LUMSA di Roma.