Il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri durante l'incontro a Palazzo Chigi con i sindacati CGIL CISL e UIL sulla prossima legge di Bilancio, Roma, 7 ottobre 2019. ANSA/FILIPPO ATTILI UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI Roma, 7 ottobre 2019. ANSA/FILIPPO ATTILI UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

Manovra, su auto aziendalistangata da 513 milioniStop detrazione redditi alti

Scontro sui fondi per Radio Radicale ma nel 2020 la convenzione andrà a gara

Sulla manovra economica restano ancora molti nodi da sciogliere, dal prelievo sulle sigarette all’imposta sulla plastica. L’esito dell’ultimo vertice di maggioranza si è concluso con un tentativo fallito di disinnescare la tassa sulle auto aziendali, una stangata da 513 milioni di euro: il provvedimento colpirà anche le auto ibride ed elettriche, nonostante l’essenza “ecologica” della norma.

Stop detrazioni sui redditi alti

Confermato anche lo stop alle detrazioni fiscali al 19% per i redditi alti, sforbiciata che riguarderà anche le spese sanitarie che in un primo momento sembravano esserne escluse. Dal 2020 infatti tutte le detrazioni, escluse quelle in farmacia, dovranno essere effettuate con mezzi di pagamento tracciabili.

Flat tax e aumento royalties sul petrolio

Dal 2021 saranno escluse dal regime della flat tax le partite Iva che quest’anno hanno avuto 30 mila euro di reddito da pensione o da lavoro dipendente. Secondo il ministero dell’Economia lo stop ai dipendenti riguarda circa il 20% degli attuali beneficiari. Nel mirino della manovra 2020 anche il petrolio e gas, che saranno gravate da royalties più alte sulle estrazioni in Italia.  Il Ministro Gualtieri – ospite a Porta a Porta – si è detto fiducioso sul giudizio di Bruxelles, confermando che dopo il via libera alla manovra si tornerò a discutere di Iva e Irpef.

Confermati fondi per Radio Radicale

Nella bozza della manovra erano stati stanziati inoltre 8 milioni di euro l’anno, nei prossimi tre anni, per rinnovare la convenzione con Radio Radicale: proprio questo il tema che ha tenuto banco durante l’ultimo vertice di governo. Per il capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio quel denaro andrebbe destinato ai terremotati, mentre per la sottosegretaria allo Sviluppo Alessia Morani “i fondi non si toccano e si lasciano fuori i terremotati da polemiche”. Gli 8 milioni restano ma, dal 30 aprile 2020, il servizio svolto da Radio Radicale verrà messo a gara.

Chiara Viti

Classe 1993. Ha studiato Filosofia a Roma e si è specializzata in Editoria e Giornalismo. Si è avvicinata al mondo della comunicazione lavorando come Ufficio Stampa, poi uno stage nella redazione di Report (Rai 3). Adesso è giornalista praticante presso la Lumsa Master School.