Maratona Roma-Ostia, muore un partecipante colto da infarto

romaostia2013.jpg_630La quarantesima edizione della Roma-Ostia, la mezza maratona più partecipata d’Italia, si è conclusa in tragedia. Uno dei partecipanti alla gara, Fabrizio Bellucci, si è accasciato a terra non appena superata la linea del traguardo, colto da un infarto. Sono risultati vani gli interventi dei soccoritori, che hanno prima tentato di rianimarlo inutilmente con il defibrillatore e lo hanno poi trasportato d’urgenza all’ospedale Grassi, dov’è arrivato già privo di vita.

Bellucci – 44 anni, residente a La Storta, Roma Nord – non era un novellino alla sua prima corsa. In passato aveva partecipato a diverse maratone ed era tesserato con LBM Sport di Roma.

Erano più di13mila gli atleti attesi per la maratonina, in partenza dal PalaLottomatica dell’Eur, con l’arrivo previsto sul lungomare di Ostia all’altezza della Rotonda. La capitale non aveva guastato la festa, regalando una giornata, seppur fredda, soleggiata, nonostante le previsioni prevedessero pioggia.

Sebbene il dramma abbia intaccato l’atmosfera festosa che si accompagna generalmente a questa manifestazione, la maratona ha eletto comunque i suoi vincitori. Un trionfo tutto africano, sia nella gara maschile che in quella femminile. Tra gli atleti è il marocchino Lahabi Aziz a conquistare il podio, riuscendo a concludere il percorso in meno di un’ora, con un tempo di 59 minuti e 25 secondi. Tra le donne è invece la keniana Caroline J. Chepkwony a spuntarla, dopo 1 ora 8 minuti e 48 secondi di corsa.

Bisogna invece scorrere sino alla settima posizione per trovare un’atleta italiana: Anna Incerti (G.S. Fiamme Azzurre), trionfatrice della stessa maratona nel 2009 e nel 2011.

Tra i partecipanti anche qualche volto noto.  Ha catturato infatti l’attenzione dei giornalisti la presenza della neoministra alla difesa, Roberta Pinotti, iscrittasi alla gara prima che il premier Matteo Renzi, fresco di nomina, la scegliesse per far parte del suo esecutivo. “Correre è la mia grande passione”- dichiara la Pinotti, che nonostante i gravosi impegni non ha voluto rinunciare a dedicare una domenica al suo sport preferito.

Silvia Renda

Silvia Renda

Nata a Lamezia Terme il 20 Aprile 1991. Vive da qualche anno a Roma dove ha conseguito la laurea triennale con votazione 110 e lode in Scienze della comunicazione (percorso giornalismo, uffici stampa e relazioni pubbliche) presso l’Università Lumsa, con una tesi dal titolo “La nuova vecchia retorica politica italiana: comunicazione nell’era della politica pop”. Ha collaborato con redazioni giornalistiche online. E' attualmente praticante della Scuola di Giornalismo dell’Università Lumsa.