Migranti a Lampedusa /Foto Ansa

Nordio: "Firmerò 2 trattaticon Algeria e Libia contro i trafficanti

Meloni al Med9 di Malta Ancora tensione con Berlino

LA VALLETTA – La firma di due trattati con Algeria e Libia per la lotta al traffico dei migranti. Lo ha annunciato il ministro della Giustizia Carlo Nordio alla cerimonia per il ventennale della Convenzione Onu di Palermo. Nordio ha ribadito che “l’impegno nella lotta al traffico dei migranti deve unire i Paesi, e la collaborazione col sistema Onu è fondamentale”. Anche il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi è intervenuto a Palermo sulla questione migratoria, ribadendo “l’importante collaborazione in atto con i colleghi francesi, con i quali abbiamo assunto la leadership di uno dei più rilevanti programmi della Commissione europea per il contrasto alle reti di trafficanti in Nord Africa”.

Piantedosi ha affermato poi che “il traffico dei migranti è un affare da 6-7 miliardi di euro ogni anno”. Per affrontare il problema, ha detto Piantedosi, “l’Italia si pone quattro obiettivi: intensificare le attività di indagine sulle rotte del Mediterraneo, ampliare la rete degli esperti nazionali in immigrazione e sicurezza in tutti i continenti; potenziare l’attività formativa con progetti didattici mirati alla prevenzione e al contrasto del crimine organizzato; attivare strumenti per finanziare le squadre investigative comuni”.

Trovare alleati in Europa che aiutino l’Italia a fronteggiare l’emergenza migranti, è anche l’obiettivo della premier Giorgia Meloni, che parteciperà oggi, 29 settembre, al summit Med9 di Malta. Il vertice, che oltre alla padrona di casa e al nostro Paese riunisce anche Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Cipro, Slovenia e Croazia, vedrà la partecipazione della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio Ue Charles Michel. Il Med9 “discuterà del futuro della regione del Mediterraneo, e l’Europa è al fianco di Malta”, ha detto Von der Leyen in un punto stampa con il premier maltese, Robert Abela.

Ieri però al Consiglio dei ministri dell’Interno Ue non si è trovata un’intesa sul nuovo Patto migranti, e mentre il compromesso proposto dalla Spagna ha trovato l’appoggio della Germania, l’Italia chiede più tempo per valutare. Il dibattito ruota attorno ai finanziamenti alle Ong, su cui lo scontro tra Roma e Berlino resta infuocato. Palazzo Chigi si è detto “sorpreso” per il fatto che proprio mentre a Bruxelles era in corso il summit decisivo per l’ok al Patto sulla migrazione, nel Mediterraneo navigavano 7 navi battenti bandiera tedesca.

Intanto è arrivata la denuncia dell’Unicef, secondo cui il numero di migranti morti o dispersi durante la traversata nel Mediterraneo quest’estate “è tre volte superiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso”. Oltre 11.600 minori stranieri non accompagnati hanno raggiunto l’Italia dall’inizio del 2023, aggiunge Unicef, un aumento del 60% rispetto allo scorso anno.