È morto Leone Di Lerniail re della canzone trash A darne l'annuncio il figlio

Il cantantante pugliese aveva 78 anni Era malato da tempo per via di un cancro

È morto Leone Di Lernia. Il re della canzone trash si è spento ieri nella sua casa di Milano. Aveva 78 anni e da un mese era ricoverato in gravi condizioni. A darne l’annuncio, il figlio Davide con un post su facebook: “R.I.P. LEONE DI LERNIA. Un male incurabile l’ha portato via, ma non ha portato via il suo spirito che rimarrà nei nostri cuori. La famiglia ringrazia tutte le persone che l’hanno amato e i suoi fans. Grazie di essere esistito. Ti amo Davide”.

Nato a Trani nel 1938, Leone Di Lernia aveva conosciuto il successo negli anni ’90. Grazie alle sue cover parodistiche e goliardiche di brani di musica dance aveva fatto breccia nei cuori dei giovani e meno giovani, trasformando “Gypsy Woman” in “Ra-ra-ri, ra-ra, pesce fritto e baccalà”, “Bailando” in “Magnando”, “The Rhythm of the Night” in “Te si mangiate la banana” e tante altre canzoni. Il cantante ha avuto anche una carriera da conduttore radiofonico. Per quasi dieci anni è stato la spalla comica del programma  Lo Zoo di 105. Nel 2010 ritornò in onda su Sky come conduttore del programma “Leone Auz”.

Luisa Urbani

Nasce a San Benedetto del Tronto il 21 agosto del 1990. Conseguita la maturità scientifica si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Macerata elaborando una tesi in diritto internazionale. Negli anni della laurea collabora con testate giornalistiche on line e come portavoce di personaggi politici locali.