An image of the new accommodation of The Uffizi Gallery in Florence, that has reopened the Halls 9 through 15, dedicated to Pollaiolo and Botticelli, Florence, Italy, 17 October 2016. The Halls have been reorganized thanks to a large donation of Friends of Florence Foundation. ANSA / MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

Le Gallerie degli Uffiziraccontano il Natale attraverso i capolavori

L'iniziativa che permetterà ai bambini di "leggere" l'arte come fosse una fiaba

“Uffizi sotto l’albero” è una nuova iniziativa che permetterà ai bambini di scoprire in diretta il racconto della nascita di Gesù Bambino, spiegato davanti a due capolavori delle Gallerie degli Uffizi di Firenze. La proposta si concretizza nella possibilità di un incontro che unisce l’affettività e la conoscenza, un’opportunità di essere vicini anche per chi è fisicamente distante e, insieme, imparare qualcosa di nuovo.

A partire da lunedì 14 dicembre sarà possibile prenotare delle sale virtuali nelle quali verranno proiettate e spiegate le opere della Galleria selezionate appositamente per Natale. Sarà possibile contattare anche amici e parenti lontani, o anche utilizzare questo spazio per riunire famiglie che vivono in regioni diverse o all’estero, tramite la realtà virtuale.

La narrazione, della durata circa mezz’ora, inizierà con la scelta del dipinto che si vuole usare per il racconto da una lista appositamente selezionata. Tutti i bambini potranno ascoltare e interagire con il narratore durante l’evento. Le conversazioni potranno essere anche in Lis, la lingua italiana dei segni, e, a richiesta, in inglese, francese o spagnolo.

Il Natale sotto l’albero “permetterà ai bambini di imparare a leggere l’arte come se fosse una fiaba meravigliosa, illustrata da dipinti veri come i capolavori del museo” spiega il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt.  È una preziosa occasione per legare l’apprendimento al divertimento, in un periodo particolare come questo. Sarà un’opportunità unica per avvicinare anche coloro che sono fisicamente distanti, per chiamare a raccolta amici e parenti lontani, unendo affetto e conoscenza in occasione della festività più amata dell’anno.

Niccolò Pescali

Diploma scientifico. Laurea in Sociologia. Mi approccio alla scrittura perché coi numeri ci azzecco poco. Inizio la gavetta dai fangosi campi da calcio delle serie minori bergamasche. Mi sono occupato anche di musica, cultura, politica e basket. Voglio scrivere di un mondo complesso a parole semplici, senza semplificare troppo. Critico. Ma anche leggero. Mi interessano gli esseri umani e (quasi) tutto ciò che fanno. Amo lo sport, per l’energia che emana.