Noemi è stata picchiata prima di essere uccisala svolta dopo l'autopsia

La sedicenne è stata poi accoltellata Il fidanzato detenuto in Sardegna

Arrivano nuovi risultati dall’autopsia svolta tre giorni fa dal dottor Roberto Vaglio, della procura, e dal medico legale barese Francesco Introna, sul corpo di Noemi Durini, la sedicenne uccisa a Specchia (Lecce) dal suo fidanzato. Prima di essere uccisa, Noemi è stata picchiata, probabilmente a mani nude, e poi accoltellata in due punti: la testa e il collo. Secondo i medici, infatti, il corpo della sedicenne mostrava “lesioni contusive multiple da picchiamento al capo e agli arti e lesioni da arma bianca al capo e collo”.

Quest’ultima svolta era sembrata possibile già ieri, quando nel cuoio capelluto della ragazza era stata trovata la punta del coltello utilizzato per ferirla. Esclusa invece l’ipotesi che la vedeva vittima di pietrate. L’assassino reo confesso, il fidanzato minorenne, è detenuto in Sardegna con l’accusa di omicidio premeditato.

Gloria Frezza

Gloria Frezza (Ortona a Mare, 13/12/1991) Nel 2010 si trasferisce a Roma per studiare Lettere Moderne all’Università La Sapienza. Completato il ciclo triennale, intraprende una Laurea Magistrale in Editoria e Scrittura nel medesimo ateneo, che conclude con il massimo dei voti nel gennaio 2016. Dal 2014 collabora con la testata online “Ghigliottina”, scrivendo di cultura ed eventi. Dall’ottobre 2016 è iscritta al Master Biennale in Giornalismo dell’Università Lumsa di Roma.