Operazione della Gdf a Ostiacontro il clan Spadasequestrati 19 milioni

Decreti disposti dal Tribunale di Roma La soddisfazione di Salvini e Raggi

La Guardia di Finanza di Roma sta eseguendo, dalle prime ore di questa mattina, cinque decreti di sequestro di beni nei confronti di altrettanti esponenti di spicco della famiglia Spada di Ostia, per un valore complessivo di quasi 19 milioni di euro.

I sequestri sono stati disposti dalla sezione misure e prevenzione del Tribunale di Roma e si uniscono ad altre operazioni degli ultimi giorni delle forze dell’ordine ai danni del clan del litorale romano. Lo scorso martedì, infatti, è stata sequestrata una casa popolare occupata dai familiari di Vincenzo Spada, fratello del boss Carmine, ora agli arresti.

La notizia dei sequestri ad Ostia ha suscitato le reazioni di soddisfazione delle istituzioni politiche. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, tramite un tweet, ha commentato ringraziando il nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf. “Notizie come questa – ha scritto Salvini – fanno cominciare bene la giornata”. Ringraziamenti alle fiamme gialle e al Tribunale di Roma anche da parte del sindaco di Roma Virginia Raggi. “Le istituzioni – scrive la Raggi su Twitter – sono unite contro l’illegalità. A Ostia non c’è spazio per la criminalità”.

Salvatore Tropea

Classe 1992, dopo la maturità scientifica si laurea in Scienze della Comunicazione alla Lumsa. Collabora con il mensile locale calabrese L’Eco del Chiaro; con il giornale studentesco e la WebTV della Pontificia Università Lateranense e con il portale online farodiroma.it. Attualmente frequenta il Master in Giornalismo alla Lumsa, dopo aver frequentato il Master in Digital Journalism alla Lateranese e aver svolto due mesi di stage a Radio Vaticana. Con il Master in Giornalismo della Lumsa ha svolto tre mesi di stage presso la redazione de Il Venerdì di Repubblica e attualmente sta svolgendo uno stage di tre mesi presso la redazione italiana di Vatican News