epa06581846 A handout photo made available by the Academy of Motion Picture Arts and Science (AMPAS) on 05 March 2018 shows Guillermo del Toro accepting the Oscar for Best motion picture of the year for work on 'The Shape of Water' during the 90th annual Academy Awards ceremony at the Dolby Theatre in Hollywood, California, USA, 04 March 2018. The Oscars are presented for outstanding individual or collective efforts in 24 categories in filmmaking. EPA/AARON POOLE / AMPAS / HANDOUT THE IMAGE MAY NOT BE ALTERED AND IS FREE FOR EDITORIAL USE ONY IN REPORTING ABOUT THE EVENT. ONE TIME USE ONLY. MANDATORY CREDIT. HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES/NO ARCHIVES

Oscar, vittoria di Del Toroper "La forma dell'acqua"miglior film e regia

Premio per sceneggiatura non originale a "Chiamami col tuo nome" di Guadagnino

Nella notte più attesa dai cinefili – quella degli Oscar, ossia i riconoscimenti assegnati dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences – La forma dell’acqua di Guillermo del Toro ha trionfato, portando a casa quattro statuette. E così mentre dall’altra parte del mondo, in Italia, lo sguardo era rivolto all’esito delle elezioni, al Dolby Theatre di Los Angeles il regista messicano ha conquistato i premi per miglior film, miglior regia, miglior colonna sonora originale e miglior scenografia.

La cerimonia – la 90esima, celebrata con la proiezione di alcune scene di film cult – è stata presentata da Jimmy Kimmel, che nei suoi sketch ha toccato diverse tematiche: dalla politica di Trump a Hollywood dopo il caso Weinstein, con al centro la questione femminile. A proposito di donne, a conquistare il riconoscimento più importante per un’attrice protagonista è stata Frances McDormand, grazie alla sua interpretazione in Tre manifesti a Ebbing, Missouri. Allison Janney, che figura tra i personaggi di Tonya diretto da Craig Gillespie, ha ricevuto il premio come migliore attrice non protagonista, mentre Sam Rockwell ha conquistato il correspettivo riconoscimento maschile con Tre manifesti a Ebbing, Missouri. Gary Oldman, Winston Churchill in L’ora più buia, è stato proclamato miglior attore protagonista. La pellicola ha vinto anche per il trucco.

L’Italia non è restata a mani vuote e ha ritirato una statuetta: quella per la miglior sceneggiatura non originale di Chiamami col tuo nome, film scritto da James Ivory e diretto da Luca Guadagnino. Get out – Scappa è stato premiato per la miglior sceneggiatura originale, mentre il cileno A fantastic woman è, secondo l’Academy, il miglior film straniero.

Il disneyano Coco ha vinto nelle categorie film d’animazione e canzone originale (“Remember me”), Dear Basketball in quella dei corti animati. Dunkirk di Christopher Nolan ha ricevuto i riconoscimenti per miglior montaggio e miglior effetti sonori, Blade Runner 2049 per la fotografia e gli effetti speciali. Infine Il filo nascosto ha conquistato l’Oscar ai costumi, Icarus di Bryan Fogel quello al miglior documentario.

Rossella Melchionna

È nata ad Ariano Irpino (AV) il 17/11/1991. Dopo aver conseguito la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale presso l’Università degli studi di Salerno, collabora con due testate cartacee, "Segnocinema" (bimestrale di teoria e critica del cinema) e "Il Mattino" (quotidiano, edizione Avellino).