Nunzia De Girolamo, ex conduttrice di "Avanti Popolo" | foto Ansa

Rai ferma Avanti PopoloChiude il programma di Nunzia De Girolamo

Ascolti bassi e costi elevati Anche Pino Insegno fuori dai palinsesti

ROMA – “Avanti Popolo” non andrà più avanti. La Rai chiude il talk condotto da Nunzia De Girolamo, trasmesso in prima serata su Rai3 ogni martedì.

Il destino del programma è ormai deciso: chiusura anticipata. Avanti Popolo, non sarà presente nei palinsesti invernali della Rai e non proseguirà fino a maggio, come inizialmente stabilito. Il programma condotto da De Girolamo – ex ministra del governo Enrico Letta – era stato inserito per sostituire Cartabianca dopo l’addio di Bianca Berlinguer.  Sarebbero due le motivazioni principali per la cancellazione anticipata dai palinsesti: gli ascolti e i costi di ogni puntata. Il talk non ha raggiunto il numero di spettatori sperato e inoltre richiedeva una somma di denaro troppo elevata per la realizzazione intorno ai 200mila euro a puntata.

La trasmissione, sin dalla prima puntata, ha avuto una vita travagliata con l’abbandono della capo progetto Emanuela Imparato e con forti polemiche legate alla scelta degli ospiti. La conduttrice aveva voluto intervistare il marito Francesco Boccia, esponente del Pd, nella prima puntata. Poi aveva avuto in studio Fabrizio Corona e la diciannovenne palermitana, vittima dello stupro di gruppo; scelta, questa, che l’aveva fatta finire nel mirino delle Commissioni Pari Opportunità Rai e Usigrai.

Il destino di Nunzia De Girolamo dopo la chiusura di Avanti Popolo sembra già scritto. Si parla di un possibile ritorno alla trasmissione Ciao Maschio, in onda in seconda serata su Rai1 ogni sabato sera. Il format sarà completamente diverso rispetto alla trasmissione appena chiusa. Una serie di interviste a personaggi esclusivamente maschili, pronti a mettersi a nudo e a raccontare le loro storie.

Stando a questo ragionamento, trema anche Pino Insegno. Gli ascolti bassi del Mercante in fiera, sempre Rai 2, gli sono già costati l’esclusione come conduttore dell’Eredità, in programma a partire da gennaio. Resta solo da capire se il presentatore lascerà la Rai prima del tempo o troverà un nuovo spazio.

Lorenzo Urbani

Laureato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza, sono giornalista pubblicista dal luglio 2020. Da un anno faccio parte del team di telecronisti per la redazione di Gianluca Di Marzio. Appassionato di tutti gli sport con il sogno di raccontare, un giorno, una finale di Champions League.