Sempre meno figli in Italiacalo del 4% nell'ultimo anno140mila in meno del 2008

Uno su tre è nato fuori dalle nozze il 22% ha almeno un genitore straniero

In Italia sempre meno figli. L’annuale rapporto Istat rileva un calo del 4%. Nel 2018 sono stati iscritti in Anagrafe 439.747 bambini, 18mila in meno rispetto al 2017 e ben circa 140mila nati in meno rispetto a dieci anni fa, ovvero al 2008.

In particolare spicca la diminuzione dei primi figli, ridotti a 204 883, 79mila in meno rispetto al 2008. Mentre la media del numero di figli per donna italiana cala a 1,29. Nel 2010 era 1,46. Invece l’età media di maternità si attesta sui 32 anni.

Il rapporto rivela pure che nel 2018 i figli nati fuori dalle nozze sono stati quasi un terzo del totale, il 32,3%. Per l’Istat ben 96.578 nati nel 2018 hanno almeno un genitore straniero, il 22%. I figli di coppie interamente straniere sono stati 65.444, il 14,9% del totale.

In totale, lo scorso anno si è avuto un calo del 4% delle nascite rispetto al 2017. Il calo è attribuibile prevalentemente alla diminuzione dei figli di genitori entrambi italiani (-15.771 unità, l’85,7% del calo dei nati registrato nell’ultimo anno).

I nomi più usati del 2018 per i neonati? Leonardo e Sofia. Ma l’Istat svela che anche i figli di stranieri residenti in Italia hanno spesso nomi italiani: i più gettonati sono Matteo, Leonardo e Mattia.

E’ al Nord che spetta il trono della fecondità: 1,32 nel Nord-ovest e 1,36 nel Nord-est), con le Province di Bolzano e Trento (rispettivamente 1,72 e 1,45) come punte apicali. Nel Mezzogiorno il livello si attesta a 1,26, mentre il Centro si attesta a 1,23. Va alla Sardegna la maglia nera: 1,02 per donna.

Giulio Seminara

Nato a Catania il 6 dicembre del 1991. Diplomato al liceo classico e laureato in Lettere Moderne con una tesi su Pier Vittorio Tondelli. Ha lavorato a LA7 come programmista e scritto per diversi quotidiani. Appassionato di cinema, politica e calcio. Gioca a ping pong, ascolta i cantautori e i Placebo.