Comitato nomine TimScende AltavillaGubitosi in pole

Dopo la sfiducia ad Amos Genish si cerca un nuovo CEO

Il comitato nomine di Tim ha aperto la procedura che porterà al cda di domenica, quando ci sarà il voto sul nuovo amministratore delegato e direttore generale. Oggi il comitato, presieduto da Alfredo Altavilla, si è riunito per dare la propria indicazione sulla successione dello sfiduciato Amos Genish. Da quanto emerge si va verso la proposta di Luigi Gubitosi come prima scelta, ma solo domenica verrà presa la decisione definitiva.

La riunione è in corso a Roma. Si era parlato in un primo momento di una candidatura forte dello stesso Altavilla, ex braccio destro di Marchionne, come erede del manager israeliano. Mentre nelle ultime ore le quotazioni di Gubitosi, attuale commissario di Alitalia, hanno subito un’impennata. Tuttavia la Tim ha precisato che: “il comitato nomine e remunerazione è tuttora in corso e qualsiasi determinazione è totalmente prematura”. Infatti, ha specificato la società telefonica, la decisione sulla nomina del nuovo Ad “spetta al consiglio di amministrazione convocato il prossimo 18 novembre”.

Gubitosi, nel frattempo, avrebbe chiesto al vicepremier Luigi Di Maio la possibilità di liberarsi dall’incarico di commissario straordinario dell’Alitalia, anche se la vendita della compagnia di bandiera non è ancora terminata. Il nome del manager napoletano, che ha un passato in Fiat, Wind e Rai, era già circolato perché gradito al fondo Elliott, che detiene la maggioranza del board. Per la resa dei conti di domenica sarà importante capire quale posizione sosterranno i soci francesi di Vivendi, azionisti con circa il 24% ma in minoranza nel cda, che non hanno apprezzato il colpo di mano del fondo americano contro Genish.

La mattinata si è aperta con una notizia positiva: Tim segna un +0,23% in borsa, dopo aver aperto ieri con un affondo al -3,3% dovuto alla sfiducia al manager israeliano.

Tommaso Coluzzi

Tommaso Coluzzi è nato e cresciuto a Roma, ha ventiquattro anni, un sacco di macchinette fotografiche ed una laurea in Comunicazione. Ama scrivere di tutto e si interessa, in ordine sparso, di dinamiche culturali internazionali, cinema, musica e tutto ciò che è catalogabile in ambito artistico