L'attore neozelandese Russell Crowe, 59 anni | Foto Ansa

Sanremo '24, Russell Croweospite della terza serataL'annuncio di Amadeus

Il premio Oscar già ospite nel 2001 sarà all'Ariston per suonare

ROMA – Dall’arena del “Gladiatore” al palco dell’Ariston di Sanremo. L’attore neozelandese Russell Crowe, 59 anni, sarà ospite al Festival della canzone italiana nella serata di giovedì 8 febbraio. Ad annunciarlo a VivaRai2! il direttore artistico Amadeus, che mostrando un video dell’attore ha dichiarato: “Verrà a suonare, sapete che è molto amato nel mondo del blues”. Poi, ha aggiunto: “Sta girando un film in Australia, finisce di girare il 6 febbraio, il 7 sarà a Sanremo e l’8 in onda su Rai1”. A fare da eco alle sue parole la battuta dell’amico Fiorello, che ha sottolineato, tra le risate del pubblico, “è tutto a sue spese, ti pare che Roberto Sergio – ad della Rai – spende per Crowe”.

Crowe rivendica le sue origini italiane

La risposta di Crowe è arrivata puntuale. “Ciao Amadeus, ciao Fiore, sono felicissimo dell’invito al Festival, non vedo l’ora di raggiungervi”, ha detto in un breve video rilanciato sul web. Poi, l’attore si è soffermato sulle sue radici familiari. “Ho scoperto di essere di origini italiane, di Ascoli Piceno, c’è un legame di sangue”. Infine, un altro richiamo al film che l’ha reso celebre nel mondo: “Ciao Italia, al mio segnale scatenate l’inferno”. 

L’attore già ospite all’Ariston nel 2001

Non si tratta di una prima volta per Crowe a Sanremo. Nel 2001 – sull’onda del suo straordinario successo ricevuto agli Oscar, dove vinse il premio come migliore attore per il ruolo di Massimo Decimo Meridio nel film di Ridley Scott, fu ospite dell’edizione condotta da Raffaella Carrà. 

Una lunga lista di ospiti importanti

L’attore si aggiunge alla lista di ospiti che saliranno sul palco dell’Ariston. Nella prima serata ci sarà il vincitore di Sanremo 2023, Marco Mengoni. Poi sarà il turno di Giovanni Allevi, che si esibirà dal vivo dopo oltre due anni mercoledì 7 febbraio. Nella serata finale, invece, spazio alla danza con Roberto Bolle.

Antonino Casadonte

Mi chiamo Antonino Casadonte e vengo da Palmi, in provincia di Reggio Calabria. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Lingue, Letterature comparate e Traduzione interculturale all'Università di Perugia. Oltre ad essere un esperto di lingue, letterature e culture, sono un grande appassionato di giornalismo e di calcio. Per questo motivo, nel futuro sogno di coniugare le mie due passioni e di diventare giornalista sportivo.