Ubi Banca tra utili e tagliannunciati duemila esuberi175 filiali sono a rischio

Svelato il piano industriale triennale il titolo ai massimi da gennaio 2018

Ubi Banca prevede di realizzare un utile netto di 665 milioni di euro nel 2022 e mantenere una percentuale di utile destinata ai dividendi azionari pari al 40%.

La banca dovrebbe però chiudere 175 filiali e una riduzione del personale di circa 2.030 risorse. Nel 2022 il rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale dei crediti deteriorati è atteso in calo al 5,2%, rispetto all’attuale 7,8%.

Il piano industriale di Ubi Banca è stato sviluppato considerando uno “scenario economico conservativo” e si articola su tre pilastri di sviluppo, che hanno lo scopo di generare “maggior redditività”.

I tre capisaldi del piano sono rappresentati dalla “rigorosa attenzione alla selezione del credito e alla qualità dell’attivo”, dalla “trasformazione del business retail” e dall’ulteriore rafforzamento del servizio ai clienti grazie a un’evoluzione delle piattaforme esistenti e a un forte investimento in formazione e specializzazione.

Intanto dopo la nota pubblicata dall’azienda il titolo avanza in Borsa a Milano dal 3% al 3.41%, ai massimi da gennaio 2018.

Giuseppe Galletta

Nato a Messina il 2 Giugno 1988. Dopo la maturità scientifica conclude gli studi presso l’Università di Messina conseguendo la laurea in Giurisprudenza arricchita dalla frequentazione della Scuola di Specializzazione per le professioni legali. Nel 2018 entra a far parte del Master di Giornalismo presso l’Università Lumsa di Roma.