Le macerie delle case distrutte e i detriti nel campo profughi di Al Nuseirat, nella Striscia di Gaza centrale | Foto Ansa

Cnn, Stati Uniti preoccupatida ipotesi che Israele lancioperazioni in Libano

Sinwar: "Israeliani sono dove volevamo" Hamas: "30mila morti da inizio guerra"

TEL AVIV – La guerra in Medioriente tra Israele e Hamas giunge al giorno 146. E l’allargamento del conflitto è sempre più preoccupante. L’amministrazione di Joe Biden, infatti, teme che Israele stia pensando di lanciare un’operazione di terra contro Hezbollah in Libano nei prossimi mesi. Lo riferisce la Cnn che cita fonti informate, seppur anonime, all’interno dell’amministrazione. Oggi, giovedì 29 febbraio, inoltre, dieci razzi sono stati lanciati dal Libano verso il nord di Israele. Al momento non sono segnalati danni né vittime.

Mentre i negoziati tra le parti vanno avanti in Qatar, la fazione islamica lascia aperte tutte le opzioni e da Doha, pur tra fonti discordanti, non arrivano, da parte dei mediatori, segnali di rottura. Durante la giornata di oggi, inoltre, ci sarà un incontro russo-palestinese con il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov.

È stato Ismail Haniyeh, leader di Hamas, a chiarire che il gruppo «mostra flessibilità nei colloqui» per un potenziale accordo che vedrebbe il rilascio degli ostaggi detenuti a Gaza e un cessate il fuoco temporaneo, ma è anche «pronto a continuare a combattere». Un altro leader di Hamas Yaya Sinwar, invece, è tornato a farsi sentire con un messaggio recapitato all’inizio del mese da un corriere a una riunione della leadership di Hamas in esilio a Doha, rassicurando sul fatto che gli attacchi israeliani non erano riusciti a eliminare tutti i combattenti e che le Brigate al-Qassam, braccio armato del gruppo, si stavano comportando bene. “Non preoccupatevi, abbiamo gli israeliani proprio dove li vogliamo”, afferma Sinwar come riporta il Wall Street Journal.

Pronti a un accordo ma anche a proseguire i combattimenti a Gaza, dove i morti, secondo il bilancio fornito dal ministero della Sanità di Hamas, sono ormai arrivati a trentamila. L’esercito israeliano continua ad operare nel centro e nel sud della Striscia, in particolare a Khan Yunis che si trova a poca distanza da Rafah. Soltanto questa mattina a Gaza City Oltre 70 palestinesi sono stati uccisi e 250 feriti in un attacco israeliano contro persone in attesa di aiuti alimentari vicino a al-Rashid Street. I morti e i feriti sono stati portati all’ospedale al-Shifa, nel nord di Gaza.

Beatrice Subissi

Nata a Roma. Sono laureata in Editoria e Scrittura presso l'Università di Roma La Sapienza e aspiro a diventare una giornalista professionista. Sono appassionata di politica internazionale, moderatamente polemica e cinica ma estremamente gentile.