Continuano le proteste in Myanmar: schierati i militari

Foto Ansa

Non accennano a fermarsi le manifestazioni di protesta in Birmania contro il colpo di Stato militare che il 1° febbraio ha portato all’arresto della leader democraticamente eletta Aung San Suu Kyi, del presidente Win Myint e di membri del governo. I manifestanti sfidano il divieto di raduni e il coprifuoco imposto dalla giunta. Le proteste, scoppiate in tutto il Paese, vengono represse dalla polizia.