Coppa Italia, staserasi gioca il "derby d'Italia"l'Inter sfida la Juventus

Tra i nerazzurri fuori Lukaku e Hakimi I bianconeri senza Chiellini e Dybala

Grande attesa per la prima semifinale di andata di Coppa Italia che si disputerà stasera, a San Siro, alle 20.45. A poco più di due settimane dalla vittoria di Conte su Pirlo (2-0, il finale), Juve e Inter si ritrovano dopo un periodo positivo per entrambi: l’Inter, nell’ultimo turno di campionato, ha sconfitto il Benevento, arrivando alla semifinale di Coppa Italia dopo aver eliminato il Milan ai quarti. Vittoria permessa dal calcio di punizione di Eriksen nei minuti di recupero. La Juventus, invece, nella 20a giornata di Serie A ha superato la Sampdoria fuori casa e non ha avuto problemi contro la Spal.

Antonio Conte, allenatore dell’Inter, sembra intenzionato a schierare un’ottima formazione, anche se ci saranno due assenze importanti: Romelu Lukaku, diffidato e ammonito a seguito della famigerata rissa con Ibrahimovic nella gara dei quarti di finale con il Milan, e Achraf Hakimi, squalificato dopo aver ricevuto un cartellino giallo nel derby. Giocheranno Darmian, sulla destra, con Young sull’ala opposta. In attacco Martinez e Sanchez. In difesa, invece, Skriniar, De Vrij, Bastoni e il capitano Handanovic, Barella, Vidal e Brozovic in cabina di regia, mentre Eriksen comincerà dalla panchina.

Per quanto riguarda la Juventus, Andrea Pirlo sembra deciso a schierare un 4-4-2. A centrocampo la coppia formata da Bentancur e Arthur, mentre McKennie e Cuadrado saranno sugli esterni. In attacco, insieme con Cristiano Ronaldo, potrebbe esserci Kulusevski. In difesa la coppia di ferro Bonucci e De Ligt. A destra probabilmente Demiral, a sinistra Alex Sandro. In porta è stato confermato Buffon, mentre Szczesny rimarrà in panchina. Dybala e Ramsey, invece, non sono stati convocati per problemi fisici. Per capitan Chiellini, infine, è turno di riposo.

Francesca Massimano

Laureata in lingue e letterature straniere, amo la letteratura spagnola e i libri di Miguel de Unamuno. Ho conseguito due master, il primo in “Programmazione Comunitaria” e il secondo in “Media Entertainment”. Ho fatto diverse esperienze di stage e di lavoro, dal Parlamento Europeo a Radio1 Rai, passando per la puntata 0 di un programma tv creato grazie ad un bando di Regione Lazio. Mi sono trasferita a Roma da qualche anno e sogno di rimanerci per tutta la vita.