Le scuole superiorimigliori d’ItaliaA Roma spicca la Bachelet

La Fondazione Agnelli pubblica i nuovi dati per il 2018

Qual è la scuola superiore più formativa nella propria città? O qual è quella che favorisce migliori performance nel contesto universitario e lavorativo? In questo periodo se lo stanno chiedendo migliaia di famiglie in relazione ai ragazzi che adesso frequentano la terza media e che devono cominciare a pensare al futuro. La Fondazione Agnelli, attraverso il portale Eduscopio, garantisce informazioni dettagliate elaborando i dati del Ministero dell’Istruzione sul percorso di 1,3 milioni di diplomati, in tre successivi anni scolastici, e sull’analisi di circa 7mila strutture.

A Milano spiccano l’Alexis Carrel, il Sacro Cuore e il Giovanni Berchet. Per quanto riguarda lo scientifico, la classifica vede in testa l’Alessandro Volta e il Leonardo Da Vinci. A Torino, i licei classici da cui escono più studenti universitari sono il Cavour e il Vincenzo Gioberti; per i licei scientifici spiccano il Galileo Ferraris e il Valsalice. Riscendendo lo stivale, i migliori licei a Firenze sono il Dante Alighieri e il Michelangiolo per il classico, e il Leonardo da Vinci tra gli scientifici. Nella classifica troviamo anche istituti tecnici. A Roma, per esempio, spiccano il Bachelet, indirizzo economico, e il Boaga, indirizzo tecnologico. Le scuole tecniche, nonostante l’intento professionalizzante, mostrano anche una discreta percentuale di ragazzi che prosegue negli studi, in media uno su tre.

La novità dell’edizione 2018 della ricerca riguarda l’aggiunta di un parametro: la percentuale di diplomati in regola, cioè il numero di studenti che hanno ottenuto il diploma nel tempo previsto di cinque anni. Il risultato dipinge una realtà ribaltata rispetto a ciò che ci potremmo immaginare. Più una scuola ha diplomati in regola e più essa sarà inclusiva. Viceversa, un numero maggiore di bocciati suggerisce che l’istituto è maggiormente selettivo. Non sempre gli studenti che escono da scuole più selettive hanno un percorso universitario più agevole. Anzi, dichiara Andrea Gavosto direttore della Fondazione Agnelli, “abbiamo individuato una correlazione positiva nell’andamento universitario proprio per gli studenti degli istituti più inclusivi, una scuola che boccia e allontana non necessariamente dà buoni risultati”.

Laura Bonaiuti

Laura Bonaiuti è nata a Fiesole (Fi) nel 1992 e vive a Roma. La sua passione è il giornalismo in qualsiasi sua forma. Vuole raccontare storie su carta, online, in televisione, su youtube e potenzialmente dappertutto. Ha scritto per La Repubblica (cartaceo e online), STAMP Toscana, Toc toc Firenze e ha collaborato con il programma televisivo Matrix su Canale 5 a Roma, dove si è trasferita da agosto 2017. Fa parte della redazione del bisettimanale “The New’s Room”. Adesso è giornalista praticante presso LUMSA Master School dove studia nel biennio 2018-2020. Nel maggio 2015 ha pubblicato il romanzo “Se nessuno sa dove sei” con Edizioni Piemme e ne ha altri nel cassetto.