Egitto, jihadisti: “Turisti lascino il Paese entro oggi”

Egitto, scontri tra esercito e Fratelli musulmani

L’attentato di domenica su un pullman di turisti a Taba, nel Sinai, è stato solo un avvertimento. Parola del gruppo qaedista Ansar Beit el Maqdis, noto anche come i “Partigiani di Gerusalemme”. Dopo il colpo di Stato del 3 luglio dello scorso anno, con il quale i militari hanno destituito il presidente Mohamed Morsi, il gruppo è considerato la principale organizzazione estremistica che agisce nel Sinai. “Raccomandiamo ai turisti di andarsene senza correre rischi prima della scadenza del termine del 20 febbraio” precisano su un account Twitter non ufficiale.

Il gruppo Ansar Beit al-Maqdis, in realtà, ha negato in maniera categorica l’utilizzo di qualsiasi social network ma l’agenzia Reuters ha fatto sapere che già in passato il gruppo si è espresso proprio attraverso l’account in questione.

Nonostante l’autenticità del messaggio non sia stata ancora confermata, dall’ambasciata egiziana a Londra fanno sapere che sono state adottate ulteriori misure di sicurezza volte a proteggere i turisti nell’area di Sharm El Sheikh.

Anche la Farnesina in una nota diffusa il 18 febbraio ha sconsigliato “i viaggi non indispensabili nel Paese con destinazioni diverse dai resorts situati nelle località turistiche del Mar Rosso, in quelle dell’alto Egitto ed in quelle della Costa Mediterranea”. Dal ministero degli Esteri precisano, inoltre, “l’impossibilità di escludere azioni ostili di stampo terroristico in tutto il Paese, eventualità di cui ogni connazionale che si rechi in Egitto, anche nelle aree turistiche, deve essere pienamente consapevole”.

 Le raccomandazioni, per chi non può fare a meno di recarsi in Egitto, sono di affidarsi a Tour Operators certificati, in grado di assicurare adeguate misure di sicurezza, e di evitare viaggi singoli.

 Antonino Fazio

Nino Fazio

Nato a Messina il 9/03/88. Gli articoli di Gianni Brera, spulciati su internet, e prima ancora le radiocronache calcistiche hanno stuzzicato la sua fantasia. Dopo la maturità scientifica ha conseguito con lode la laurea in Scienze della comunicazione (Università di Catania). La passione per il Francese lo ha portato Oltralpe dove, contestualmente allo studio, ha lavorato come assistente di lingua italiana in un liceo. Collabora con oubliettemagazine.com.