Eitan: arrestato a Ciprol'uomo che aiutò il nonnoa rapire il bambino

Noleggiò l'aereo per Tel Aviv Richiesta di estradizione per Peleg

Gabriel Abutbul Alon, l’uomo accusato di aver aiutato il nonno di Eitan a rapire il bambino, è stato arrestato a Limisso, sull’isola di Cipro, come riportato dal Corriere della Sera.

Alon, su cui pendeva un mandato di arresto europeo (Mae), secondo le indagini, l’11 settembre scorso, aveva aiutato Shmuel Peleg, ex militare israeliano di 58 anni, a rapire il nipote. Il bambino era stato prelevato in casa della zia paterna, Aya Biran, che lo aveva in affidamento dall’incidente avvenuto sul Mottarone lo scorso 23 maggio. Shmuel Peleg riuscì a portare il bambino in Svizzera e da lì in Israele a bordo di un aereo privato, noleggiato nei giorni precedenti da Alon per 46 mila euro. L’uomo è sospettato di aver fatto parte di un’agenzia americana di contractor impegnati in teatri di guerra ed abituati a muoversi con le tecniche più sofisticate di copertura e anonimato. La polizia cipriota lo ha individuato seguendo le tracce del suo telefonino.

Inoltre è arrivata in Israele la richiesta dell’estradizione di Shmuel Peleg, come risulta alla Procura di Pavia. Ora spetta ad Israele decidere sull’arresto e sull’estradizione dell’uomo.

 

Francesca Massimano

Laureata in lingue e letterature straniere, amo la letteratura spagnola e i libri di Miguel de Unamuno. Ho conseguito due master, il primo in “Programmazione Comunitaria” e il secondo in “Media Entertainment”. Ho fatto diverse esperienze di stage e di lavoro, dal Parlamento Europeo a Radio1 Rai, passando per la puntata 0 di un programma tv creato grazie ad un bando di Regione Lazio. Mi sono trasferita a Roma da qualche anno e sogno di rimanerci per tutta la vita.