Angelo Chiorazzo in una foto d'archivio del 1 ottobre 2020. | Foto Ansa

Elezioni in Basilicata Lacerenza verso il ritiro Spunta Chiorazzo

Il Pd: "Nome scelto senza confronto È stimato ma a digiuno di politica"

POTENZA – A poco più di un mese dalle elezioni regionali in Basilicata, il Pd lucano ha chiesto il ritiro del candidato Domenico Lacerenza, nome presentato dal campo largo per “sottostare agli incomprensibili veti del M5s”.

Attivisti, sindaci e dirigenti del partito hanno formalizzato la loro posizione in un documento, ritenendo che la scelta è stata presa “senza alcuna forma di confronto e di condivisione con chi quotidianamente vive nelle trincee del territorio”.  Circostanza che “rischia di regalare” altri “cinque anni di non governo Bardi ai nostri avversari politici di centrodestra”.

Per i dem lucani, infatti, battere il presidente uscente sarà possibile solo con un candidato che sia “effettivamente espressione del territorio”. Non Lacerenza, quindi, considerato come “uno stimato professionista completamente a digiuno di politica”. Da qui il sostegno, anche tramite una petizione online, ad Angelo Chiorozzo, indicato dal movimento civico Basilicata Casa Comune.

Se non ascoltato, il Pd regionale si dice pronto a “promuovere autonomamente un innovativo polo dell’orgoglio lucano”.

Chiara Esposito

Nata a Napoli. Laureata in Archeologia, storia dell'arte e scienze del patrimonio culturale presso l'Università Federico II e in Editoria e Scrittura alla Sapienza. Aspiro a diventare giornalista professionista.