Grecia, Tsipras presenta il piano di riforme alla Troika. E c’è chi nel suo partito parla di resa

alexis-tsiprasAttesa e tensione per la Grecia che oggi presenterà alla Troika il suo piano di riforme per ottenere un prolungamento di 4 mesi degli aiuti. Un percorso obbligato per il premier Alexis Tsipras, che solo lo scorso 25 gennaio ai suoi elettori aveva fatto delle promesse ben diverse: “La Troika è una istituzione che non riconosciamo e non metterà più piede ad Atene”, diceva il leader di Syriza. Invece le cose sono andate diversamente e il documento di sei pagine dimostra chiaramente che Tsipras è dovuto scendere a patti col “nemico”. “Senza un accordo – ha spiegato un funzionario greco – avremmo dovuto imporre controlli alla circolazione di denaro e il Paese sarebbe collassato”.
Una decisione che rischia di costare cara al premier che ha incassato le critiche dell’ala radicale del suo partito, in particolare dell’eurodeputato Manolis Glezos: “Non sta cambiando nulla – ha detto in un’intervista – il programma elettorale di Syriza è già carta straccia”. E chiedendo scusa al popolo greco, Glezos ha confessato: “Anch’io ho partecipato a questa illusione”. Dure le critiche anche della Tendenza Comunista che, bocciando l’intesa con l’Eurogruppo, ha chiesto ai parlamentari di votare contro l’accordo e persino di cambiare leader.
Il documento che il ministro delle Finanze Yanis Varoufakis dovrà recapitare oggi a Bruxelles alla commissione Ue, Bce e Fmi contiene provvedimenti contro l’evasione, il blocco della confisca delle case ma rimangono i tagli agli statali e l’austerity per far riavere i soldi ellenici alle banche tedesche.

Secondo quanto anticipato dal quotidiano tedesco “Bild” Atene presenterà all’Unione europea un piano da 7 miliardi che verranno recuperati attraverso misure contro il contrabbando di sigarette e benzina e con l’imposizione di una patrimoniale.

Maria Lucia Panucci

Maria Lucia Panucci

Nata a Roma il 28 dicembre 1986, ha conseguito con 110 e lode prima la laurea triennale in “Scienze Umanistiche” e poi quella magistrale in “Produzione culturale”, entrambe presso l’università Lumsa di Roma. Ha collaborato con il giornale online “Opinioni e Confronti”, occupandosi di attualità e ha curato la rubrica di cinema per la rivista “I Fatti”. Da maggio 2013 è giornalista pubblicista. Ha svolto uno stage di tre mesi presso la rete televisiva laziale “Retesole”.